Covid-19 fase due, cosa cambia negli ospedali: "Check point, sale d'attesa vuote, distanze e teleconsulti"

Intervista a Francesca Novaco, direttore sanitario dell’Ausl di Bologna: "La rivoluzione vera sarà quella di pensare sempre a proteggerci e a proteggere gli altri. C'è chi ha capito che molte prestazioni non sono davvero necessarie".

Dovremo abituarci a nuove regole e nuove modalità di accesso ai servizi ospedalieri, ambulatori e pronto soccorso compresi: tali cambiamenti includono anche delle innovazioni che renderanno tutto un po' più facile e veloce, ma che metteranno alla prova quelle fasce che con la tecnologia e il digitale hanno meno confidenza. Per il resto, più ordine e nell'organizzazione delle visite specialistiche, sale d'aspetto non affollate e riorganizzazione degli spazi in base ai distanziamenti di sicurezza, accompagnatori solo per i pazienti fragili, misurazione della temperatura agli ingressi e, naturalmente, tutti i dispositivi necessari fra guanti e mascherine. Totale sicurezza per chi negli ospedali ci lavora e per chi ci viene per curarsi" spiega Francesca Novaco, direttore sanitario dell’Ausl di Bologna, che accenna a un piano che ridisegna tutto il sistema nell'ottica della sicurezza per tutti. 

Francesca Novaco AUSL-2

"Sarà tutto un altro film - precisa il direttore - che ci vede muoverci su due binari, quello Covid-19 (che non finisce certo con l'inizio della fase due) e quello non Coronavirus, che disporrà di tutti i dispositivi di sicurezza necessari e che sta impegnando tutto il nostro personale. Noi molte attività le abbiamo già riprese da qualche tempo e stiamo lavorando con gradualità". 

Innovazioni e sperimentazioni: da giugno al via la tele-medicina

Cominciamo dalle innovazioni a cui ci ha portato questa emergenza sanitaria e ai servizi in via di sperimentazione di cui vi state occupando e che caratterizzeranno l'erogazione dei servizi nei prossimi mesi? "La novità più grossa sono i teleconsulti per visite specilistiche a distanza. Il che includerà l'uso della tecnologia a favore di un nuovo rapporto fra medico e paziente. Viviamola come un'occasione". 

Che tipo di visite specialistiche verranno incluse fin da subito nel sistema di telemedicina? I tempi? "Inizieremo con delle aree pilota. La neurologia per prima e poi la cardiologia. Stiamo lavorando a una piattaforma studiata ad hoc che metterà in rete pazienti e medici, facendoli interagire per colloqui che non sostituiranno le visite, ma che serviranno a un'azione di filtro. Le visite naturalmente continueranno ad esserci". 

Le visite specialistiche: sono molte e adesso bisognerà riprogrammare quelle sospese per il Covid, giusto? "Il 'molto' è un numero: 51 mila visite specialistiche e 21 mila radiologiche, giusto per intenderci e capire di cosa stiamo parlando quando diciamo 'riprogrammare'. E poi ci sono prestazioni di altra natura". 

Spazi e sale d'attesa: ecco come saranno riorganizzate le visite in ospedale e in ambulatorio

Per la fantomatica fase 2 a livello sanitario si sta lavorando sodo e su molti fronti, a partire dalle misurazioni degli spazi per il calcolo delle distanze e quindi della capienza di sale d'attesa e ambulatori con le conseguenti ripercussioni sul flusso di pazienti: "Tre metri per ogni paziente. Un check-point all'ingresso con misurazione della temperatura e verifica (o consegna) dei dispositivi di sicurezza, nessun accompagnatore a meno che non si tratti di un bambino o di un paziente fragile che abbia bisogno di qualcuno. Tutto dovrà essere sanificato fra un paziente e quello successivo. Previsti degli orari di apertura degli ambulatori non-stop, sette giorni su sette. Così riusciremo a recuparare le consulenze sospese e andare avanti con quelle nuove. Un rallentamento lo diamo per scontato". 

Meno persone al PS: "Forse abbiamo imparato cosa è urgente e necessario e cosa no"

Quale sarà la rivoluzione più grande in ambito sanitario? "Certamente l'idea di proteggerci e di proteggere gli altri. Una questione di mentalità, un cambiamento culturale. I dispositivi di sicurezza faranno parte del nostro quotidiano. Durante questa emergenza abbiamo imparato qualcosa osservando i nostri pronto soccorso vuoti: strano vedere questi luoghi di solito affollati così desolati. Probabilmente abbiamo capito quando una situazione è emergenza e quando no. Anche quando una visita specialistica è opportuna e quando invece se ne può fare a meno senza rischi. Chiaro che il rovescio della medaglia sono stati coloro che sono rimasti a casa anche se avevano un problema serio". 

Leggi anche: 

Coronavirus, bollettino Regione 12 maggio: i dati continuano a scendere, mai così bassi

L'Emilia Romagna riparte il 18 maggio: riaprono negozi, bar, ristoranti, parrucchieri, estetisti. E anche le spiagge

Covid, spiaggia e mare, si riparte lunedì 18 maggio: le nuove regole per un'estate in sicurezza

Coronavirus, ancora focolaio e morti nella casa anziani a Monteveglio. Il sindaco: "Come si è arrivati a questi numeri?"

Covid e mortalità a Budrio: nel mese di aprile +53,8% di decessi rispetto all'anno precedente

Test sierologici ai cittadini: "Chi aderirà si sottoporrà a tutto ciò che il programma richiede"

Coronavirus, "discesa" della Madonna di San Luca: obbligo di mascherine e no processioni

Coronavirus, come usare le mascherine: il tutorial del Ministero | VIDEO

Coronavirus e consegne a domicilio: segnala a BolognaToday la tua attività!

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid -19: dove e come fare il test sierologico a Bologna

  • Coronavirus, bollettino 29 maggio Bologna e provincia: la situazione comune per comune

  • Bonus bici elettriche e monopattini: chi può chiedere i 500 euro

  • Pianoro, tragico incidente lungo la Futa: morto un giovane motociclista

  • Mercurio dà spettacolo: come e quando osservarlo a occhio nudo

  • Coronavirus, bollettino Emilia-Romagna: +38 casi, 24 trovati tramite screening

Torna su
BolognaToday è in caricamento