Ozzano dell’Emilia, furti a raffica alla piscina comunale: tre minori denunciati

Da giorni facevano razzia di portafogli e telefoni cellulari, rubando negli spogliatoi della piascina di Via Naldi. Ieri una segnalazione ha messo in scacco il terzetto, che colto in flagrante ha confessato

Una domenica assolata, il giorno perfetto per fare scorribanda alla piscina comunale: questo devono aver pensato i tre minorenni che sono stati colti in flagrante, mentre rubavano all'interno degli spogliatoi. Il "colpo" è stato messo a segno ieri, presso la piscina di via Naldi, ad Ozzano dell'Emilia.

 Verso le 16.20 è giunta al 112 una segnalazione di tre persone sospette nel parcheggio della piscina, così la Centrale Operativa ha inviato una pattuglia sul posto ed i militari hanno sorpreso tre minori- di età compresa tra i 14 ed i 15 anni -  tutti del luogo, responsabili di alcuni furti appena consumati. Il bottino racimolato dai tre era di poche decine di euro, somma trafugata da un portafoglio.

Accompagnati in caserma e convocati i genitori, i minori hanno ammesso di essere gli autori anche di alcuni furti verificatisi nei giorni scorsi sempre presso la piscina e hanno consegnato spontaneamente tre telefoni cellulari rubati precedentemente.

Per i tre giovanissimi è scattata la denuncia in stato di libertà al Tribunale per i Minorenni dell’Emilia Romagna per il reato di furto aggravato continuato e sono stati affidati ai genitori.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Meteo, previsioni per il fine settimana: tornano pioggia e neve

  • Incidente a Budrio: un morto e un ferito sulla Trasversale di Pianura

  • Vuole offrire da bere agli 'amici': invece di ringraziarlo lo aggrediscono e lo rapinano

  • People Mover, avvio il 7 marzo per la navetta veloce tra aeroporto e stazione

  • Rapina la banca, poi confessa davanti al Giudice: “Mio figlio malato, la paga da operaio non basta”

  • "Evasione fiscale da 140 milioni di euro": Maxi sequestro della Finanza, anche auto storiche di lusso

Torna su
BolognaToday è in caricamento