Palestre scolastiche aperte la sera e nei fine settimana, siglato nuovo accordo

Comune e Città metropolitana siglano accordo che durerà sei anni

IMMAGINE REPERTORIO

Un accordo sottoscritto da Comune di Bologna e Città metropolitana per avere le palestre scolastiche aperte anche negli orari in cui non si tiene l’attività didattica e assicurare una manutenzione sempre migliore degli impianti.

Per venire incontro alla richiesta di maggiori spazi sportivi di base, Comune e Città metropolitana hanno approvato una convenzione che permette alle scuole di potere utilizzare palestre e impianti sportivi in orario scolastico e, al contempo, fa sì che società, gruppi e associazioni possano utilizzare le palestre scolastiche in orario extrascolastico. Gli impianti sportivi degli istituti scolastici servono infatti in via prioritaria alle necessità delle scuole stesse e nello stesso tempo sono una componente fondamentale del patrimonio impiantistico sportivo pubblico. La decisione dunque ha l’obiettivo di mettere a disposizione della collettività le palestre scolastiche per le attività sportive.

Finora l’accordo è stato regolato da convenzioni rinnovate di anno in anno. Quello appena stipulato invece prevede una durata di sei anni (dall’anno scolastico 2019-2020 all’anno scolastico 2024-2025), al termine dei quali il Comune di Bologna avrà corrisposto alla Città metropolitana, per l’uso delle palestre di sua proprietà, la somma di 1,3 milioni di euro; la Città metropolitana, per lo stesso motivo, verserà al Comune di Bologna 500.000 euro. Le cifre corrispondono al rimborso delle utenze previste per 6 anni. La convenzione è stata approvata nella seduta di ieri, 7 ottobre 2019, dal Consiglio comunale di Bologna.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nello specifico il Comune di Bologna concede alla Città metropolitana di Bologna - ai fini dell’utilizzo in orario scolastico - le seguenti palestre e impianti sportivi: palestra comunale Baratti (Sferisterio) su richiesta del liceo Laura Bassi, dell’Istituto Aldrovandi Rubbiani e del liceo Galvani (succursale); palestra comunale Moratello, su richiesta del liceo Fermi; la palestra Alutto su richiesta del liceo scientifico Sabin.
La Città metropolitana concede al Comune di Bologna - per l’utilizzo in orario extrascolastico - i seguenti impianti: liceo Copernico, Tanari, Rosa Luxemburg, Sabin, Crescenzi Pacinotti, artistico Arcangeli, Belluzzi Fioravanti, Augusto Righi, Laura Bassi, Enrico Fermi e istituto Malpighi. Le palestre verranno concesse dal lunedì al sabato dalle 17 e la domenica per l’intera giornata (limitatamente agli impianti dove è consentita l’attività agonistica, per gare e incontri di campionato). Il Comune di Bologna può concedere l’uso delle palestre a società, gruppi e associazioni.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid -19: dove e come fare il test sierologico a Bologna

  • Coronavirus, bollettino 29 maggio Bologna e provincia: la situazione comune per comune

  • Bonus bici elettriche e monopattini: chi può chiedere i 500 euro

  • Coronavirus, bollettino Emilia Romagna: +24 casi e ancora 8 decessi

  • Mercurio dà spettacolo: come e quando osservarlo a occhio nudo

  • Coronavirus, bollettino Emilia-Romagna: +38 casi, 24 trovati tramite screening

Torna su
BolognaToday è in caricamento