Donne malate di cancro: dalla Regione contributo per l'acquisto della parrucca

Il contributo sarà una tantum, indipendentemente dall'Isee e dalla situazione reddituale della paziente

Fino a 400 euro della Regione Emilia-Romagna alle donne malate di cancro che acquistano una parrucca. Entro fine mese le Aziende Usl della regione renderanno disponibili (on line e nelle proprie strutture sanitarie) i moduli per presentare la richiesta di contributo.

"Un sistema sanitario pubblico capace di rispondere alle esigenze dei cittadini e' fatto certamente di cure e servizi all'avanguardia, ma anche di misure come questa", sottolineano il presidente della Regione, Stefano Bonaccini, e l'assessore regionale alla Sanità, Sergio Venturi. "Comprendiamo quanto sia delicata, dal punto di vista fisico e psicologico, la fase della vita che le pazienti malate di tumore devono affrontare nel sottoporsi alle cure. Abbiamo quindi accolto la richiesta che ci era stata fatta dalle pazienti, e i servizi della Regione si sono messi subito al lavoro per assicurare in tempi rapidi la piena operatività del provvedimento. Un provvedimento a cui teniamo davvero molto".

Il contributo sarà una tantum, indipendentemente dall'Isee e dalla situazione reddituale della paziente. Potranno beneficiarne le donne in cura residenti in Emilia-Romagna dove, quest'anno, sono circa 3.400 le pazienti oncologiche con possibile alopecia (perdita di capelli) da chemio o radioterapia. (dire)

L'appello: parrucche gratis alle pazienti oncologiche

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Meteo, previsioni per il fine settimana: tornano pioggia e neve

  • Sardine, il 19 gennaio 6 ore di musica e riflessioni: ecco chi salirà sul palco di Piazza VIII agosto

  • Incidente a San Lazzaro: 20enne investito sulle strisce

  • Vuole offrire da bere agli 'amici': invece di ringraziarlo lo aggrediscono e lo rapinano

  • Lutto in città, se ne va la mitica 'Agnese delle cocomere'

  • Incidente a Sasso: scontro camion-corriera, passeggeri bloccati vicino il bordo della rupe

Torna su
BolognaToday è in caricamento