Punti nascita chiusi in montagna: svolta in Regione

Si valuta la riapertura delle sale parto nelle zone disagiate

L'assemblea legislativa ha approvato oggi una risoluzione della maggioranza di centrosinistra in cui si sollecita la riapertura dei punti nascita di Porretta terme, nel bolognese, di Pavullo nel Frignano, Castenuvo ne' monti e Borgo val di Taro, nelle altre province emiliane. L'atto è stato presentato dal Pd, ma a rendere esplicito l'impegno è un emendamento firmato dal capogruppo di Sinistra Italiana Igor Taruffi al documento del collega dem Paolo Zoffoli.

C'e' un impegno dunque a valutare la riapertura delle sale parto nelle zone disagiate e di montagna, dove i punti nascita sono stati chiusi.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Cesareo d'urgenza: elisoccorso notturno in 18 minuti al Maggiore

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • I 4 borghi medievali più belli nella provincia di Bologna

  • Dai colli al centro città, i sette parchi più belli di Bologna

  • Basilica di San Petronio, la chiesa più grande di Bologna: 7 cose da sapere

  • Prezzi case a Bologna: la mappa zona per zona

  • Covid, nuovo focolaio corriere Tnt: chiuso il magazzino, test per tutti i lavoratori della logistica

  • No malattia lavoratori di Medicina, il sindaco: "Poca attenzione del Governo"

Torna su
BolognaToday è in caricamento