Punti nascita chiusi in montagna: svolta in Regione

Si valuta la riapertura delle sale parto nelle zone disagiate

L'assemblea legislativa ha approvato oggi una risoluzione della maggioranza di centrosinistra in cui si sollecita la riapertura dei punti nascita di Porretta terme, nel bolognese, di Pavullo nel Frignano, Castenuvo ne' monti e Borgo val di Taro, nelle altre province emiliane. L'atto è stato presentato dal Pd, ma a rendere esplicito l'impegno è un emendamento firmato dal capogruppo di Sinistra Italiana Igor Taruffi al documento del collega dem Paolo Zoffoli.

C'e' un impegno dunque a valutare la riapertura delle sale parto nelle zone disagiate e di montagna, dove i punti nascita sono stati chiusi.

Cesareo d'urgenza: elisoccorso notturno in 18 minuti al Maggiore

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sente rumori sospetti in casa e spara, ucciso un uomo

  • Lega: "A Bologna party universitario blasfemo, intervenga il Rettore"

  • Incidente a Casalecchio: pedone investito all'incrocio

  • Morti in incidenti stradali: Bologna la più colpita, diventa obbligatorio l'alcol-lock

  • Terremoto Toscana: riaperto traffico treni AV e regionali, ci sono ritardi

  • Incidente a Imola: scontro con il camion, morto un ciclista

Torna su
BolognaToday è in caricamento