Negozi aperti a Pasqua, sindacati chiamano lo sciopero

Nel mirino il lavoro nelle festività al centro di una annosa questione

I sindacati dichiarano guerra alle aperture dei centri commerciali nei giorni festivi. Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl e Uiltucs-Uil dell'Emilia-Romagna proclamano sciopero per il 21 aprile, domenica di Pasqua, e l'astensione dal lavoro per il 22 aprile (Pasquetta), 25 aprile, Primo maggio, invitando "i lavoratori del commercio privato e cooperativo e gli addetti di tutte le attività svolte all'interno dei centri commerciali ad aderire, astenendosi dal lavoro nelle festività".

I sindacati chiedono di "porre un limite alle aperture incontrollate che in questi anni hanno stravolto la vita dei lavoratori, escludere la possibilità di aprire in occasione delle festività nazionali, restituire agli enti locali la prerogativa di definire la regolamentazione delle aperture territoriali" assieme ai sindacati, "riconsegnare agli enti locali anche la prerogativa di determinare quali e quanti nuovi insediamenti commerciali è possibile avviare".

Per queste ragioni, i sindacati del commercio regionali invitano i lavoratori ad astenersi dal lavoro per tutto il turno di lavoro delle festività, "ricordando che sulla base delle norme contrattuali vigenti, e alla luce delle recenti sentenze della Cassazione potranno rifiutarsi di effettuare prestazioni lavorative in tutte le festività, senza incorrere in alcuna sanzione".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Meteo, previsioni per il fine settimana: tornano pioggia e neve

  • Cade dalle scale mentre scende dalla Torre Asinelli: soccorsi sul posto

  • Sardine, il 19 gennaio 6 ore di musica e riflessioni: ecco chi salirà sul palco di Piazza VIII agosto

  • Incidente a San Lazzaro: 20enne investito sulle strisce

  • Vuole offrire da bere agli 'amici': invece di ringraziarlo lo aggrediscono e lo rapinano

  • Lutto in città, se ne va la mitica 'Agnese delle cocomere'

Torna su
BolognaToday è in caricamento