Passante Nord, il Consiglio Comunale di Sala Bolognese vota contro

Plauso di Legambiente alla delibera del consiglio straordinario di ieri, che ha votato all'unanimità la contrarietà all'opera. "Indispensabile che la regione riveda la posizione sull'infrastruttura, alla luce delle richieste dei territori"

Presa di posizione del Comune di Sala Bolognese contro la realizzazione del passante Nord di Bologna. In un consiglio comunale straordinario dedicato alla futura autostrada di 38 km, destinata ad attraversare 11 Comuni della Provincia di Bologna oltre al capoluogo, è stata votata all’unanimità la contrarietà dell’amministrazione al progetto. Un atto che fa seguito alla nota di contrarietà all’opera inviata alla Regione ed alla Città Metropolitana in data 25 gennaio, dai sindaci dei Comuni di Argelato, Bentivoglio, Budrio, Calderara di Reno, Castel Maggiore, Castenaso, Sala Bolognese, San Lazzaro di Savena, Granarolo dell'Emilia, Zola Predosa. Così Legambiente che plaude la scelta dei consiglieri. Il Comune di Sala Bolognese, si legge nell’ODG, invita Regione e Città Metropolitana a “verificare l’effettiva utilità e strategicità dell’opera”, manifestando inoltre “la propria contrarietà alla realizzazione del cosiddetto "Passante Nord" in tutte le forme finora proposte” impegnandosi “ per quanto di propria competenza, a non concedere permessi o autorizzazioni che siano propedeutici alla realizzazione dello stesso”.

“L’ordine del giorno approvato all’unanimità da tutte le forze politiche – dichiara Marisa Albanese, presidente di Legambiente delle Terre d’Acqua di San Giovanni in Persiceto – è un chiaro segnale della contrarietà dei territori interessati dal Passante, ad un’opera che non porta nessun beneficio. Il nostro plauso va all’amministrazione di Sala, nella speranza che anche gli altri Comuni coinvolti votino rapidamente lo stesso ordine del giorno nei rispettivi Consigli”.

"Continuare ad insistere nel voler costruire il Passante Nord - incalza Legambiente - seguendo anacronisticamente l’assunto che solo nuove strade ed autostrade possano portare ricchezza e benessere ai territori, rischia di mettere a repentaglio, oltre che la qualità ambientale, anche la coesione amministrativa all’interno della appena nata Città Metropolitana". Legambiente intanto ha lanciato una petizione su Change.org, che chiede di fermare il Passante ed "investire seriamente sul trasporto ferroviario metropolitano. Un efficiente trasporto pubblico su ferro realmente competitivo rispetto all’utilizzo del mezzo".

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Bologna usa la nostra Partner App gratuita !

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Grave lutto per Cesare Cremonini: morto il papà Giovanni

  • Lutto all'Alma Mater: morto a 94 anni Alfonso Traina, professore emerito, filologo e latinista

  • Funerale Giovanni Cremonini, in centinaia per l'ultimo saluto al babbo di Cesare

  • Piazzola sospesa per due giorni, gli ambulanti protestano

  • Incidente a Budrio: schianto tra auto alla Riccardina

  • Esce di casa e non torna, trovato di notte nel fiume

Torna su
BolognaToday è in caricamento