"Umano. Troppo umano": torna il festival perAspera

La dodicesima edizione in programma dal 5 al 16 settembre in dieci luoghi diversi di Bologna e Città Metropolitana

foto perAspera

"Umano. Troppo umano". È il titolo della dodicesima edizione del festival "perAspera", rassegna di arti multidisciplinari contemporanee, in programma dal 5 al 16 settembre. 

Dodici giorni, undici artisti, dieci luoghi diversi. L'edizione 2019 è dedicata al tema dell'umanità, in sé e in relazione alle nuove tecnologie, per un percorso pensato per operare in sinergia con spazi storici, ambienti urbani e luoghi dismessi.

Qui il programma completo

"Si tratta di un'edizione particolare perché affronta temi molto contemporanei e di attualità", sottolinea in conferenza stampa l'assessore alla Cultura del Comune di Bologna, Matteo Lepore. "La parola chiave è relazione", afferma la direttrice organizzativa Maria Donnoli: "Relazione tra artisti e luoghi, perché le opere create sono site-specific" ma anche "relazione tra le opere stesse e le persone".

Un esempio? L'installazione "partecipativa" che nascerà il 6 settembre a Monte San Pietro, in piazza Casa Bonazzi e dunque nell'ambito di "una ferita aperta nell'edilizia urbana incompiuta", spiegano gli organizzatori del festival: l'artista svedese Ida Bentinger e i cittadini lavoreranno insieme per ad un'opera denominata "Intreccio".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Tra gli obiettivi di perAspera, del resto, c'è anche quello di "scoprire luoghi che non siano già troppo selezionati o fornire possibilità diverse a luoghi conosciuti", sottolinea il direttore artistico Ennio Ruffolo. Gli eventi saranno tutti con ingresso gratuito o con contributo libero: "Da sempre una delle caratteristiche di perAspera è creare apertura, per una contemporaneità non ostile ma accogliente. Lo sperimentiamo sia con i lavori che abbiamo selezionato sia con questa politica", segnala Donnoli. (Dire)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • I 4 borghi medievali più belli nella provincia di Bologna

  • Basilica di San Petronio, la chiesa più grande di Bologna: 7 cose da sapere

  • Coronavirus fase 3 | Fiere, congressi, vacanze di gruppo e viaggi in auto: Bonaccini sigla nuova ordinanza

  • Offerte lavoro Bologna fisso mensile

  • Tragedia in Romagna: perde l'equilibrio e sbatte contro la roccia, morta studentessa dell'Alma Mater

  • Coronavirus Emilia-Romagna, il bollettino del 2 luglio: metà dei nuovi contagi a Bologna

Torna su
BolognaToday è in caricamento