Pesce, carni e gelati pericolosi: i Nas sequestrano oltre 500 tonnellate di cibo

Prodotti alimentari banditi dal mercato per ignota provenienza, pessime condizioni igienico-sanitarie, stoccaggi in ambienti non adeguati, date di scadenza superate anche da diversi anni: così l'operazione 'Ferie in sicurezza', anche a tavola!

Gelati, pesce, dolci, miele, carne, formaggi, prodotti da forno, frutta, verdura, bibite e bevande per un totale di 540 tonnellate posti sotto squestro dai Nas di Bologna perchè deteriorati. E' questo il bilancio dell'operazione 'Ferie in sicurezza', per garantire la sicurezza alimentare anche in vacanza.

Nel dettaglio, per quanto riguarda gli interventi in regione, i carabinieri hanno rinvenuto e sequestrato, in un deposito all'ingrosso di prodotti alimentari della provincia di Rimini, circa 2 tonnellate di merluzzi, ritagli di totano e sughi pronti a base di pesce - realizzati con l'aggiunta di aglio scaduto - in parte prive di rintracciabilità ed altre scadute. A Parma, invece, i Nas della città emiliana hanno scoperto, in un deposito all'ingrosso di prodotti ittici, oltre 5 quintali di pesce (posti sotto sequestro penale), tra cui ostriche, scaduti tra il 2008 e il 2010 e che, per origine, provenienza, quantità e qualità erano diversi da quelli dichiarati in etichetta; centinaia di etichette contraffatte e circa 8 chilogrammi di metabisolfito di potassio, additivo il cui utilizzo fraudolento permette di mantenere il colore ottimale del prodotto.
Nella stessa operazione, i Carabinieri hanno inoltre posto sotto sequestro amministrativo altre 5 tonnellate tra astici, aragoste, gamberi, scampi, filetti di salmone e di persico prive di rintracciabilità ed anch'esse scadute di validità da circa 2-3 anni.

Sono 540 le tonnellate di alimenti ritirati dal mercaro, di cui 344 tonnellate di pesce e molluschi e 196 tonnellate di alimenti di varia natura (gelati, dolci, miele, carne, formaggi, prodotti da forno, frutta, verdura, bibite e bevande). La motivazione della confisca è l'ignota provenienza, le pessime condizioni igienico-sanitarie, stoccaggi in ambienti non adeguati, date di scadenza superate anche da diversi anni. Sono state accertate irregolarità igienico-sanitarie e documentali talmente gravi da rendere necessaria l'adozione di provvedimenti di sequestro o chiusura immediata di 27 ristoranti, 5 bar/gelaterie e 7 panetterie.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente a Budrio: un morto e un ferito sulla Trasversale di Pianura

  • People Mover, avvio il 7 marzo per la navetta veloce tra aeroporto e stazione

  • Rapina la banca, poi confessa davanti al Giudice: “Mio figlio malato, la paga da operaio non basta”

  • SPECIALE | Elezioni regionali Emilia Romagna 2020: dalle interviste ai candidati a tutte le info utili al voto

  • "Evasione fiscale da 140 milioni di euro": Maxi sequestro della Finanza, anche auto storiche di lusso

  • Avvelenato e lasciato nel parcheggio va in coma e muore dopo 2 giorni: fermati due coniugi

Torna su
BolognaToday è in caricamento