Treni regionali, in arrivo 87 nuovi convogli con wi-fi, trasporto disabili e stallo biciclette

Dal 2019 comincerà la sostituzione delle vecchie motrici. A gestirli sarà una società ibrida tra Tper e Trenitalia. Migliorate le performance, con una accelerazione aumentata del 50 per cento

Nel maggio del 2019 ne arriveranno ben 86 sui binari dell'Emilia-Romagna: 39 "Rock" e 47 "Pop". Ma per ora i nuovi treni per i pendolari fanno musica in piazza Maggiore, a Bologna, prima tappa del tour nazionale per mostrare i modelli dei 450 convogli ordinati complessivamente ad Alstom Hitachi, una commessa da oltre quattro miliardi di euro.

"L'obiettivo di avere tutti i treni nuovi sul trasporto regionale entro la fine del mandato in regione è un obiettivo realizzabile", gongola l'assessore regionale ai Trasporti Raffaele Donini. Attrezzati con wi-fi, trasporto disabili e biciclette, i nuovi treni attualmente in costruzione cominceranno a circolare proprio tra Piacenza e Rimini, sia sulla linea che corre lungo la via Emilia sia su sulle altre tratte locali.

Screenshot (11)-2

"In Emilia-Romagna sono stati bravi perché hanno dimostrato che fare la rivoluzione è possibile. Speriamo che questo esempio sia seguito da altre Regioni", si augura il ministro delle Infrastrutture Graziano Delrio, che ha partecipato alla visita alle nuove carrozze. A gestire il servizio in regione sarà la nuova società formata dalle ferrovie e Tper, dopo la gara assegnata dalla Regione nel 2015: il nuovo soggetto "non ha ancora un nome, glielo daremo a breve", fa sapere l'ad di Fs Renato Mazzoncini, che promette sul piano del trasporto pendolari una svolta simile a quella ottenuta con le "Frecce" sul trasporto nazionale. L'Emilia-Romagna, in particolare, "si troverà con una anzianità media dei treni inferiore a cinque anni, meglio della Germania".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Pop" e "Rock", spiega ancora Mazzoncini, hanno una accelerazione del 50% superiore a quella dei treni attualmente in servizio: questo consentirà di ridurre i tempi di percorrenza e di modificare gli orari. Oltre ad un maggior comfort, consentiranno anche di consumare il 30% di energia in meno. "E' una sfida e una scommessa che abbiamo fatto tutti insieme con la gara del ferro. Con la quale, ricorda il presidente regionale Stefano Bonaccini, "abbiamo anche garantito ossigeno fresco per il lavoro e l'impresa".
 

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Bologna usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid -19: dove e come fare il test sierologico a Bologna

  • Coronavirus, bollettino 29 maggio Bologna e provincia: la situazione comune per comune

  • Bonus bici elettriche e monopattini: chi può chiedere i 500 euro

  • Pianoro, tragico incidente lungo la Futa: morto un giovane motociclista

  • Mercurio dà spettacolo: come e quando osservarlo a occhio nudo

  • Coronavirus, bollettino Emilia-Romagna: +38 casi, 24 trovati tramite screening

Torna su
BolognaToday è in caricamento