Treni regionali, in arrivo 87 nuovi convogli con wi-fi, trasporto disabili e stallo biciclette

Dal 2019 comincerà la sostituzione delle vecchie motrici. A gestirli sarà una società ibrida tra Tper e Trenitalia. Migliorate le performance, con una accelerazione aumentata del 50 per cento

Nel maggio del 2019 ne arriveranno ben 86 sui binari dell'Emilia-Romagna: 39 "Rock" e 47 "Pop". Ma per ora i nuovi treni per i pendolari fanno musica in piazza Maggiore, a Bologna, prima tappa del tour nazionale per mostrare i modelli dei 450 convogli ordinati complessivamente ad Alstom Hitachi, una commessa da oltre quattro miliardi di euro.

"L'obiettivo di avere tutti i treni nuovi sul trasporto regionale entro la fine del mandato in regione è un obiettivo realizzabile", gongola l'assessore regionale ai Trasporti Raffaele Donini. Attrezzati con wi-fi, trasporto disabili e biciclette, i nuovi treni attualmente in costruzione cominceranno a circolare proprio tra Piacenza e Rimini, sia sulla linea che corre lungo la via Emilia sia su sulle altre tratte locali.

Screenshot (11)-2

"In Emilia-Romagna sono stati bravi perché hanno dimostrato che fare la rivoluzione è possibile. Speriamo che questo esempio sia seguito da altre Regioni", si augura il ministro delle Infrastrutture Graziano Delrio, che ha partecipato alla visita alle nuove carrozze. A gestire il servizio in regione sarà la nuova società formata dalle ferrovie e Tper, dopo la gara assegnata dalla Regione nel 2015: il nuovo soggetto "non ha ancora un nome, glielo daremo a breve", fa sapere l'ad di Fs Renato Mazzoncini, che promette sul piano del trasporto pendolari una svolta simile a quella ottenuta con le "Frecce" sul trasporto nazionale. L'Emilia-Romagna, in particolare, "si troverà con una anzianità media dei treni inferiore a cinque anni, meglio della Germania".

"Pop" e "Rock", spiega ancora Mazzoncini, hanno una accelerazione del 50% superiore a quella dei treni attualmente in servizio: questo consentirà di ridurre i tempi di percorrenza e di modificare gli orari. Oltre ad un maggior comfort, consentiranno anche di consumare il 30% di energia in meno. "E' una sfida e una scommessa che abbiamo fatto tutti insieme con la gara del ferro. Con la quale, ricorda il presidente regionale Stefano Bonaccini, "abbiamo anche garantito ossigeno fresco per il lavoro e l'impresa".
 

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Bologna usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sente rumori sospetti in casa e spara, ucciso un uomo

  • Lega: "A Bologna party universitario blasfemo, intervenga il Rettore"

  • Scossa di terremoto nella notte, avvertita anche nell'Appennino bolognese

  • E' Natale, a spasso per Bologna: le vetrine più originali

  • Incidente a Casalecchio: pedone investito all'incrocio

  • Terremoto Toscana: riaperto traffico treni AV e regionali, ci sono ritardi

Torna su
BolognaToday è in caricamento