Piazza Minghetti: volano piante contro l’abbattimento degli alberi

I Guerriglieri di "Terra di Nessuno" hanno organizzato un "attacco verde" proprio per Natale: decine di piantine appese lungo le recinzioni del cantiere della piazza in ristrutturazione

L'attacco verde in Piazza Minghetti

Il gruppo Bolognese del collettivo Guerrilla Gardening, che con i suoi attacchi di verde pianta e semina vegetali in ogni angolo delle città, ha protestato a modo suo contro l’abbattimento degli alberi di Piazza Minghetti (effettuato la scorsa estate), ora sotto restauro. La protesta è stata gradevole e divertente e ha portato “ossigeno” al cantiere e compiacimento dei passanti: “Un modo pacifico e costruttivo di dire no – commenta un residente – che ha migliorato anche la vista del cantiere. Speriamo che i nostri alberi tornino”.

LA PETIZIONE. Una petizione per Piazza Minghetti è annunciata sul blog del gruppo: “Amici nettuniani, guerriglieri e non, vi segnaliamo questa importante petizione lanciata in rete. Da qualche mese, la meravigliosa piazza Minghetti di Bologna e' "incartata" da teli e pannelli: un'opera di restauro e di "riqualificazione" che si sta svolgendo per lo piu' di nascosto.Questa magnifica operazione, ha significato l'abbattimento di numerosi alberi che rendevano la piazza semplicemente straordinaria. Con immenso piacere, quindi, segnaliamo sul nostro blog la raccolta firme che e' stata lanciata per chiedere al Comune il ripristino degli alberi.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

GUERRILLA GARDENING. Guerrilla Gardening è un gruppo di appassionati del verde che ha deciso di interagire positivamente con lo spazio urbano attraverso piccoli atti dimostrativi, quelli che noi chiamiamo "attacchi" verdi. Guerrilla Gardening si oppone attivamente al degrado urbano agendo contro l'incuria delle aree verdi. L'attività principale del gruppo è quella di rimodellare ed abbellire, con piante e fiori, le aiuole e le zone dimesse o dimenticate della città. Il movimento è nato in Italia da un gruppo di giovani milanesi che ancora oggi segue e consiglia i gruppi indipendenti. Oggi, anche a Bologna, si assiste ad attacchi “verdi”.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus Bologna e provincia, bollettino 2 aprile: i dati comune per comune

  • Coronavirus, la Regione Emilia-Romagna dà tre milioni di mascherine gratis a tutti i cittadini

  • Coronavirus Bologna e provincia, bollettino 3 aprile: i dati comune per comune

  • Coronavirus Bologna e provincia, bollettino 4 aprile: i dati comune per comune

  • “Mio padre ha perso il lavoro e il frigorifero è vuoto, aiutateci": adolescente chiede aiuto al 112

  • Coronavirus Emilia Romagna, bollettino 2 aprile: +546 contagi, si contano ancora 79 morti

Torna su
BolognaToday è in caricamento