Festa lavoratori Usb in piazza dell'Unità, tensione per banchetto Pd

Entrambe le iniziative autorizzate. I dem: 'Lo facciamo tutti gli anni'. Il sindacato di base: 'Andate a fare campagna elettorale altrove'

Foto: Usb Bologna

Momenti di tensione ieri mattina durante i festeggiamenti del primo maggio in piazza dell'Unità organizzato dal sindacato di base Usb e dal collettivo 'Noi Restiamo'. Durante la mattinata le forze dell'ordine sono dovute intervenire per un alterco tra un gruppo di militanti della festa con alcuni membri del Partito democratico della Bolognina, che all'ingresso della piazza avevano iniziato ad allestire un banchetto informativo.

La situazione, dopo alcuni momenti concitati è ritornata alla normalità con lo spostamento del banchetto dem nella vicina via Matteotti. Entrambi i presidi risultano essere stati autorizzati. Per Usb si è trattato di una "provocazione che non possiamo accettare" rimarcando la distanza con "chi ha votato la legge Fornero e il Jobs Act", mentre il capogruppo dem Claudio Mazzanti ha precisato alla stampa locale che che l'iniziativa si tiene da anni nella stessa zona, per la distribuzione di garofani rossi. Alla vista delle insegne dem, alcuni militanti del gruppo in piazza dell'Unità si sono però avvicinati e dopo una aggressione verbale il gazebo Pd è stato rovesciato, scatenando il battibecco.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: fermato treno a San Ruffillo. Era un falso allarme

  • Coronavirus, sotto osservazione due persone in Emilia: le analisi al Sant'Orsola

  • Coronavirus: in Emilia Romagna chiuse scuole, asili e luoghi di cultura. Stop a eventi e manifestazioni

  • Coronavirus, due nuovi casi a Modena e uno a Piacenza. In Emilia-Romagna 26 in totale. Venturi: "Proporremo nostra metodica alle altre Regioni"

  • Coronavirus, il sindacato scuola: "Sospendere attività fino all'8 marzo"

  • Coronavirus: riminese ricoverato, aveva volato dal Marconi. Positivo anche un altro passeggero dello stesso volo

Torna su
BolognaToday è in caricamento