"Piazza Verdi racconta" è il progetto dell'estate: un palco per 4 mesi

"Sarà uno dei luoghi più importanti dell'estate"

"Piazza Verdi racconta", proposto da Le Macchine Celibi, è stato giudicato il miglior progetto. "Quello selezionato è un buon progetto che ci permetterà di animare culturalmente la zona universitaria e proseguire nel percorso avviato in questi ultimi due anni - afferma l'assessore alla cultura e promozione della città Matteo Lepore -. Piazza Verdi avrà di nuovo un palco per 4 mesi e sarà uno dei luoghi più importanti dell'estate". 

Tra le realtà culturali che hanno aderito al progetto di Macchine Celibi e che contribuiranno alla sua realizzazione figurano anche Bernstein School of Musical Theater, il collettivo Cantieri Meticci, l’associazione Il Giardino del Guasto, il Comitato Piazza Verdi Zona Universitaria e la Scuola di Teatro di Bologna Alessandra Galante Garrone; inoltre il Dipartimento delle Arti dell’Università di Bologna ha manifestato il proprio interesse a collaborare come partner.

"Tutti i progetti presentati al vaglio dell'Amministrazione si sono dimostrati di grande spessore - fa sapere l'amministrazione - sia sotto il profilo culturale che della proposta gestionale, in particolare il progetto di Macchine Celibi, che si avvale della direzione artistica di Marcello Corvino Promo Music, si è distinto per il notevole investimento dedicato alla programmazione culturale, così come per il coinvolgimento attivo degli esercenti della zona nella parte dedicata alla socialità". 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Auto a fuoco, morta giovane donna e Porrettana chiusa al traffico per ora

  • Indagine sugli adolescenti bolognesi: l'80% ama la città, ma emergono aspetti 'preoccupanti'

  • Non solo massaggi al centro estetico: blitz dei Carabinieri a Pianoro

  • Gianni Morandi racconta il dolore per la perdita della figlia

  • Maxi furto al bar: si finge acquirente e ruba 200mila euro di diamanti

  • Nike chiude la sede di Casalecchio: per 30 dipendenti il trasferimento è l'unica via

Torna su
BolognaToday è in caricamento