La polisportiva Pontevecchio vince il Social Contest "Il tabacco mi fa un baffo"

Ideato per sensibilizzare, in particolare i piu’ giovani, sui danni causati dal fumo di sigaretta

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di BolognaToday

Sono state le bravissime atlete della polisportiva Pontevecchio di Bologna ad aggiudicarsi il primo premio del social contest Il Tabacco mi fa un baffo, vincendo 1 Ipad e un buono acquisto dal valore di 50 €.

Sono saliti sul secondo gradino del podio, i giovanissimi Mattia Cristo e Paola Petterutim, che hanno ritirato un buono spesa dal valore di 150 €, mentre Carlo Sacchi ha ottenuto il terzo posto, aggiudicandosi una buono spesa dal valore di 100 €.

Ieri alla presenza di numerose associazioni, medici e ricercatori, tra cui il dott Daniele Mandrioli, Coordinatore delle attività di Ricerca dell'Istituto Ramazzini, si è svolta la premiazione.

L'iniziativa ha mobilitato l'interesse di oltre 30 mila persone, che si sono scatenate su Facebook, commentando le foto ed esprimendo la propria preferenza.

Immagine clou della campagna ‪#‎iltabaccomifaunbaffo sono stati, appunto, i baffi, indossati da tantissime persone per fare selfie divertenti, ma anche portatori di un messaggio: caricati sulla pagina Facebook di Vialarga rappresentano un veicolo per dire che si può essere liberi dalle dipendenze, si può essere superiori alla nicotina, si può dare valore alla propria salute…in sintesi che il tabacco mi fa un baffo.

Naturalmente tutto questo ha voluto essere un originale pretesto per fare educazione contro il fumo e per sensibilizzare non solo sui danni provocati dal fumo, ma anche sui benefici del non fumare.

L'iniziativa è promossa dal centro commerciale Vialarga assieme all'Ipermercato Conad nell'ambito del suo costante impegno di responsabilità sociale, che si concretizza in attività ed eventi di sensibilizzazione rivolti ai cittadini bolognesi. La campagna è stata patrocinata da: Regione Emilia Romagna, Città Metropolitana, Comune di Bologna, Bologna Today, Ciao Radio, Di.Tv, Qui Bologna TV, Ausl, Istituto Ramazzini, Fondazione Umberto Veronesi, Lilt, Atcom, Picooli Grandi Cuori Onlus, Avis, Warriors, Associazione Il Parco Onlus, Associazione Giardini Margherita Bologna.

Torna su
BolognaToday è in caricamento