Polizia Municipale: ancora schermaglie, Comune conferma incremento turni di notte

Durante l'ultimo confronto, l'ennesimo strappo tra i sindacati e l'amministrazione comunale, che accusa: "Ignorare verbale con impegni ed orientamenti unitari è scorretto"

PROTESTA MUNICIPALE IN COMUNE

Ancora schermaglie tra polizia municipale e il Comune di Bologna sulla riorganizzazione del corpo. Tema rovente i turni. 

Si è svolto il terzo degli incontri previsti dai verbali sottoscritti in Prefettura dal Comune di Bologna e dalle OO.SS. della Polizia Municipale FP- CGIL, CISL-FP, UIL-FPL, DICCAP-SULPL e sindacato SGB. 
Con la firma dei verbali, le parti avevano condiviso di riaprire la trattativa su quattro punti: flessibilità degli orari e fascia oraria di flessibilità in ingresso, revisione dei turni atipici, rimodulazione dei tetti per servizi disagiati ed esenzione per personale con maggiore anzianità e/o di servizio, aspetti remunerativi conseguenti (per i quali saranno destinate parte delle risorse da quantificare derivanti dalle convenzioni siglate dal Comune con enti privati per i servizi svolti o loro vantaggio). Su questi argomenti l’Amministrazione comunale era disponibile a rivedere le proprie posizioni e a riprendere il confronto.

Nell’ultimo incontro l’Amministrazione comunale ha ribadito la necessità di "incrementare in modo strutturale i turni notturni fino al numero di 5.200 all'anno e ha dato la disponibilità a rivedere i turni cosiddetti atipici e le relative flessibilità". 
Prima dell'atto unilaterale dell'Amministrazione di luglio i turni notturni erano 3.800, in media 2 - 3 pattuglie a notte. Da luglio, con la decisione dell'Amministrazione, le pattuglie sono aumentate, in media 5 - 6 a notte, per rispondere ai nuovi bisogni di sicurezza della città.

Durante l'ultimo confronto sull’incremento strutturale dei turni notturni si è registrato l'ennesimo strappo: "Fino a quel momento l'incremento era condiviso in modo unitario da tutte le OO.SS. e dalla RSU - scrive in una nota il Comune - poi passo indietro di alcuni componenti RSU (riconducibili alla ex USB) che hanno rimesso tutto in discussione dopo 8 ore di confronto, proponendo che i turni notturni aggiuntivi rispetto al passato venissero interamente pagati in orario straordinario. Cosa che non avviene ad esempio per altri lavoratori dei servizi pubblici come tranvieri e infermieri". Così l'amministrazione, che addita il comportamento di alcuni delegati RSU: "Ignorare il verbale condiviso con le Istituzioni (Prefettura e Comune di Bologna) e con tutti gli altri rappresentanti dei lavoratori che avevano assunto impegni ed orientamenti unitari è scorretto".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'Amministrazione comunale nei prossimi giorni continuerà ad applicare l'incremento dei turni notturni e flessibili già in atto, misure che - sottolineano da Palazzo D'Accursio - sono "atte a garantire e consolidare maggiore sicurezza per tutti i cittadini".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid -19: dove e come fare il test sierologico a Bologna

  • Coronavirus, bollettino 29 maggio Bologna e provincia: la situazione comune per comune

  • Bonus bici elettriche e monopattini: chi può chiedere i 500 euro

  • Mercurio dà spettacolo: come e quando osservarlo a occhio nudo

  • Coronavirus, bollettino Emilia-Romagna: +38 casi, 24 trovati tramite screening

  • Coronavirus Emilia-Romagna, calo contagi e casi attivi: guarito oltre il 73% dei contagiati

Torna su
BolognaToday è in caricamento