Vigili urbani in rivolta contro i turni di notte: 'Il Comandante nuovo sceriffo'

Nessun volontario per il lavoro notturno. Ieri la conferenza stampa dei sindacati, oggi il Comune annulla l'incontro 'poiché sono venute a mancare le condizioni necessarie per il dialogo'

"A  seguito  delle  agenzie  di  stampa  uscite  oggi  pomeriggio  dopo  la conferenza  stampa  delle  organizzazioni  sindacali CGIL, CISL, UIL, Usb e Sulpm  del  corpo di Polizia Municipale, l'Amministrazione comunale esprime piena  fiducia nell'operato nel Comandante della Polizia Municipale che sta attuando  gli indirizzi dati dal Sindaco. Si ricorda che le politiche sulla sicurezza  dei  cittadini  sono  materia  di  competenza del Sindaco, della Giunta  e  del  Consiglio  comunale  e non materia di contrattazione con le categorie  della  funzione  pubblica e con le RSU, così come definito dalla normativa vigente". 

Questa la nota del comune dopo la conferenza stampa indetta ieri dai sindacati Cgil, Cisl, Uil, Usb e Siulpm per discutere della riforma dell'accordo 2014, con nuovi provvedimenti sulla turnazione notturna, partiti il 13 luglio scorso. 

La delibera firmata dal sindaco prevede quattro turni di lavoro per tutti i fischietti, con fasce orarie però ampie per rendere più flessibili le prestazioni degli agenti, a seconda delle esigenze di servizio. Il primo turno può iniziare dalla mezzanotte all'1 e 30 del mattino e concludersi tra le 6 e le 7.30; il secondo può cominciare dalle 6.30 alle 8 e finire tra le 12.30 e le 14; il terzo turno comincia dalle 13 alle 14.30 e termina dalle 19 alle 20.30 e l'ultimo, quello serale, comincia dalle 18.30 alle 20 e terminare tra le 0.30 e le 2 del mattino. I turni serali dovrebbero essere coperti da volontari , a quanto pare difficili da reperire. 

Il comandante Carlo Di Palma è stato definito dai sindacati "nuovo sceriffo con moltissimi poteri" e il segretario FP-CGIL ha lanciato anche l'hashtag #cipensaCarlo. 

Annullato quindi l'incontro di oggi "allo scopo di riprendere il confronto" che non siterrà " poiché  sono venute a mancare le condizioni necessarie  per  il dialogo. Resta fermo l'obiettivo, rispetto un Corpo che conta  più  di 600 agenti, di avere più pattuglie - rispetto alle attuali - durante  l'arco  dell'intera giornata per poter dare maggiori risposte alle richieste di sicurezza avanzate dai cittadini", si legge nella nota di Palazzo D'Accursio.  
 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...


 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • I 4 borghi medievali più belli nella provincia di Bologna

  • Basilica di San Petronio, la chiesa più grande di Bologna: 7 cose da sapere

  • Coronavirus fase 3 | Fiere, congressi, vacanze di gruppo e viaggi in auto: Bonaccini sigla nuova ordinanza

  • Offerte lavoro Bologna fisso mensile

  • Tragedia in Romagna: perde l'equilibrio e sbatte contro la roccia, morta studentessa dell'Alma Mater

  • Coronavirus Emilia-Romagna, il bollettino del 2 luglio: metà dei nuovi contagi a Bologna

Torna su
BolognaToday è in caricamento