Chiesa e pedofilia, nelle parrocchie emiliane 'sorveglianti' contro abusi

I vescovi dell'Emilia Romagna annunciano la formazione di referenti in ogni parrocchia per "formazione e prevenzione per la tutela dei minori"

"Abbiamo già predisposto un percorso di formazione che permetterà di avere in ogni diocesi alcune persone, quasi tutti laici e laiche, che potranno essere referenti e promotori dei cammini diocesani di formazione e prevenzione per la tutela dei minori". A scriverlo sono i vescovi dell'Emilia-Romagna.

Un giro di vite, che arriva dopo gli ultimi casi emersi di molestie sui minori da parte di sacerdoti in Italia e, soprattutto, dopo gli attacchi a Papa Francesco dell'ex nunzio apostolico Carlo Viganò, che ha accusato il Pontefice di aver coperto gli abusi dell'ex arcivescovo di Washington, Theodore Edgar McCarrick.

Zuppi col Papa: 'Lettera sofferta, lontana anni luce da tutte queste polemiche'

I vescovi dell'Emilia-Romagna accorrono prima di tutto in difesa di Bergoglio. "Condividiamo la grande preoccupazione e il dolore espresso da Papa Francesco con la 'Lettera al Popolo di Dio'- scrivono- sofferto invito a una conversione personale e comunitaria, che vi invitiamo a leggere e meditare nelle parrocchie, nei consigli pastorali e nei gruppi di famiglie. Egli ci chiede di soffrire insieme a tutto il corpo per aiutarlo".

Nella nota, i vescovi dell'Emilia-Romagna mettono in chiaro che "l'impegno a combattere gli abusi sui minori e sulle persone vulnerabili, sia di potere che sulla coscienza che sessuali, da parte di chierici o di laici nella Chiesa, nella società e nelle famiglie, ci deve vedere uniti. Uniti nella preghiera e nella penitenza, perché le sofferenze delle vittime, che non si cancelleranno, siano condivise e non si ripetano. Perché il male non sia più nascosto, ma opportunamente denunciato. Perché il perdono e la guarigione dalle ferite, che pure invochiamo da Dio, con la riparazione del danno, non siano un alibi, ma stimolo a mettere in atto una conversione di tutta la comunità cristiana e della società civile, perché si prendano le misure educative e operative per una prevenzione ampia ed efficace".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I vescovi dell'Emilia-Romagna lo dicono chiaro e tondo. "Nessuno deve essere coperto o giustificato, qualsiasi ruolo svolga- affermano- il bene dei minori e dei più deboli deve stare sopra a tutto. Molto dipenderà dai genitori, dagli educatori, dagli insegnanti, dai sacerdoti e dai catechisti: la cura, la protezione, la vigilanza, la formazione propria e dei ragazzi o degli adolescenti, deve creare ambienti e atteggiamenti di vera tutela e deve portare i minori a imparare a difendersi, a reagire, trovando adulti accoglienti e pronti ad ascoltarli e a intervenire". (Dire)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Offerte lavoro Bologna fisso mensile

  • Coronavirus fase 3 | Fiere, congressi, vacanze di gruppo e viaggi in auto: Bonaccini sigla nuova ordinanza

  • Come pulire e disinfettare i condizionatori: trucchi e consigli

  • Incidente sulla A1: scontro camion-furgone, due morti

  • Focolai covid a Bologna: l'attenzione si sposta all' ex hub di via Mattei

  • Tragedia in Romagna: perde l'equilibrio e sbatte contro la roccia, morta studentessa dell'Alma Mater

Torna su
BolognaToday è in caricamento