Chiesa e pedofilia, nelle parrocchie emiliane 'sorveglianti' contro abusi

I vescovi dell'Emilia Romagna annunciano la formazione di referenti in ogni parrocchia per "formazione e prevenzione per la tutela dei minori"

"Abbiamo già predisposto un percorso di formazione che permetterà di avere in ogni diocesi alcune persone, quasi tutti laici e laiche, che potranno essere referenti e promotori dei cammini diocesani di formazione e prevenzione per la tutela dei minori". A scriverlo sono i vescovi dell'Emilia-Romagna.

Un giro di vite, che arriva dopo gli ultimi casi emersi di molestie sui minori da parte di sacerdoti in Italia e, soprattutto, dopo gli attacchi a Papa Francesco dell'ex nunzio apostolico Carlo Viganò, che ha accusato il Pontefice di aver coperto gli abusi dell'ex arcivescovo di Washington, Theodore Edgar McCarrick.

Zuppi col Papa: 'Lettera sofferta, lontana anni luce da tutte queste polemiche'

I vescovi dell'Emilia-Romagna accorrono prima di tutto in difesa di Bergoglio. "Condividiamo la grande preoccupazione e il dolore espresso da Papa Francesco con la 'Lettera al Popolo di Dio'- scrivono- sofferto invito a una conversione personale e comunitaria, che vi invitiamo a leggere e meditare nelle parrocchie, nei consigli pastorali e nei gruppi di famiglie. Egli ci chiede di soffrire insieme a tutto il corpo per aiutarlo".

Nella nota, i vescovi dell'Emilia-Romagna mettono in chiaro che "l'impegno a combattere gli abusi sui minori e sulle persone vulnerabili, sia di potere che sulla coscienza che sessuali, da parte di chierici o di laici nella Chiesa, nella società e nelle famiglie, ci deve vedere uniti. Uniti nella preghiera e nella penitenza, perché le sofferenze delle vittime, che non si cancelleranno, siano condivise e non si ripetano. Perché il male non sia più nascosto, ma opportunamente denunciato. Perché il perdono e la guarigione dalle ferite, che pure invochiamo da Dio, con la riparazione del danno, non siano un alibi, ma stimolo a mettere in atto una conversione di tutta la comunità cristiana e della società civile, perché si prendano le misure educative e operative per una prevenzione ampia ed efficace".

I vescovi dell'Emilia-Romagna lo dicono chiaro e tondo. "Nessuno deve essere coperto o giustificato, qualsiasi ruolo svolga- affermano- il bene dei minori e dei più deboli deve stare sopra a tutto. Molto dipenderà dai genitori, dagli educatori, dagli insegnanti, dai sacerdoti e dai catechisti: la cura, la protezione, la vigilanza, la formazione propria e dei ragazzi o degli adolescenti, deve creare ambienti e atteggiamenti di vera tutela e deve portare i minori a imparare a difendersi, a reagire, trovando adulti accoglienti e pronti ad ascoltarli e a intervenire". (Dire)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Virus cinese: cos'è, come si diffonde e come proteggersi

  • Incidente a Budrio: un morto e un ferito sulla Trasversale di Pianura

  • La dea bendata bacia il Christian bar: in via Toscana vinto 1 milione di euro

  • SPECIALE | Elezioni regionali Emilia Romagna 2020: dalle interviste ai candidati a tutte le info utili al voto

  • People Mover, avvio il 7 marzo per la navetta veloce tra aeroporto e stazione

  • Regionali Emilia Romagna 2020, tutti i programmi elettorali

Torna su
BolognaToday è in caricamento