Aggressioni al Pronto Soccorso, Gibertoni M5S: 'Pazienti esasperati dalle attese'

Un paziente in stato di ubriachezza ha preso a calci e pugni due infermieri e un medico

E' solo l'ultima delle aggressioni ai sanitari del nei confronti di due infermieri e un medico avvenuto qualche giorno fa al Pronto Soccorso del Sant'Orsola. Lo sottolinea la consigliera regioanel del Movimento 5 Stelle Giulia Gibertoni: "Un uomo ha aggredito due infermieri e un medico ma ormai di questi casi se ne verificano con una cadenza quasi giornaliera, in particolare negli ospedali di Modena".

Gibertoni chiede dunque alla Regione di intervenire al più presto "per ripristinare il diritto alla sicurezza di chi lavora nelle nostre strutture sanitarie” e ha presentato un'interrogazione alla giunta regionale dopo la denuncia di una nota sigla sindacale che lo scorso 7 aprile ha portato alla luce l’ennesimo caso di violenza, facendo riferimento all’aggressione avvenuto all’alba del 5 aprile, quando un paziente in stato di ubriachezza ha preso a calci e pugni due infermieri e un medico.

“Si tratta solo dell’ultimo di una serie ormai infinita di casi – spiega Giulia Gibertoni – situazioni che si ripetono ormai dappertutto e sulle quali certamente influisce il clima di esasperazione per le attese infinite che i pazienti devono trascorrere all’interno di queste strutture. Come abbiamo sempre sostenuto serve un piano di potenziamento reale per i nostri Pronto soccorso, soprattutto dal punto di vista del personale impiegato. Solo in questo modo si potrà cercare di risolvere il problema”, invitando anche la Giunta a farsi portavoce sia di una campagna informativa per sensibilizzare l’opinione pubblica sulle aggressioni ma anche un impegno dal punto di vista legislativo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Serve un confronto anche all’interno della conferenza Stato-Regioni per chiedere che si equipari a questo genere di reato a quello di violenza a pubblico ufficiale, rendendolo sempre perseguibile d’ufficio e non su querela di parte, tenuto conto che spesso gli operatori preferiscono non sporgere denuncia per motivi vari” conclude Giulia Gibertoni.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid -19: dove e come fare il test sierologico a Bologna

  • Pianoro, tragico incidente lungo la Futa: morto un giovane motociclista

  • Coronavirus, bollettino 29 maggio Bologna e provincia: la situazione comune per comune

  • Bonus bici elettriche e monopattini: chi può chiedere i 500 euro

  • Tragedia a Loiano: travolto da un tronco, muore a 43 anni

  • Coronavirus, bollettino Emilia-Romagna: +38 casi, 24 trovati tramite screening

Torna su
BolognaToday è in caricamento