Tratta di 'schiave' dalla Nigeria, tra violenze e riti vudù: undici in arresto

Bologna base operativa, ma le vittime venivano "smistate in tutto il nord-Italia e anche all'estero". 18-19 anni, preferibilmente vergini e provenienti da situazioni socio-familiari difficili

Donne che sfruttano altre donne: dopo un viaggio di oltre 6mila chilometri, la promessa di un lavoro svanito una volta compreso di essere stata comprata in patria per prostituirsi in Italia. E' l'operazione denominata "Falsa speranza". 

E' durata un anno l'indagine dei Carabinieri di Bologna che oggi ha portato al fermo di 11 persone, 8 in città (4 in carcere, 3 agli arresti domiciliari e 1 con trasmissionedegli atti alla Procura per i minorenni), due in carcere a Modena e a Crotone e una a Bolzano in attesa di convalida, mentre sono ancora in corso perquisizioni a Cesena e Torino. Sono state tratte in salvo e affidate a strutture protette sei giovani, sequestrati circa 15.000 euro, contante nigeriano e inglese, nonché carte e documentazione. 

"LA DENUNCIA. Una 23enne nigeriana a giugno del 2016 aveva denunciato i suoi aguzzini. Ingannata in patria dalla promotrice della "tratta", una volta arrivata in Italia si era rifiutata di "lavorare" in strada, così a gennaio 2015 era stata picchiata e aveva subito uno stupro di gruppo da parte di connazionali, infine era stata abbandonata in strada in fin di vita. La violenza era stata tale da causarle lesioni permanenti: sottoposta a intervento chirurgico, le era stata asportata parte dell'utero, oltre a essere stata contagiata dal virus HIV. Grazie al coraggio della ragazza i Carabinieri hanno avviato l'indagine, coordinati dal PM Marco Orsi.

I REATI. Art. 416 c.p. aggravato art. 4 L. n. 146/2006: Associazione per delinquere aggravata dal carattere transnazionale. Art. 12 D. Lgs. n. 286/1998 aggravato art. 4 L. n. 146/2006: Disposizioni contro le immigrazioni clandestine aggravate dal carattere transnazionale. Artt. 582, 583 e 585 c.p.: Lesioni gravissime pluriaggravate . Art. 600 c.p.: Riduzione o mantenimento in schiavitù o in servitù. Art. 601 c.p. aggravato art. 4 L. n. 146/2006: Tratta di persone aggravata dal carattere transnazionale. Art. 609 octies c.p.: Violenza sessuale di gruppo. Art. 3 L. n. 75/1958: Induzione, agevolazione e sfruttamento della prostituzione. Art. 130 e 132 D. Lgs. n. 385/1993: Abusiva attività di raccolta del risparmio ed abusiva attività finanziaria. 

"Un inferno" ha definito le condizioni di vita di queste nuove schiave il Comandante della Compagnia Bologna Centro Giuseppe Musto che ha sottolineato la dedizione dei Carabinieri per giungere allo smantellamento di questa struttura "perfida", ma, ha aggiunto "le lacrime delle ragazze ci hanno ripagato ampiamente degli sforzi fatti per portare a termine l'indagine, nella speranza che da domani possano avere una giusta aspettativa di vita".

prostitute-2-3

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sente rumori sospetti in casa e spara, ucciso un uomo

  • Scomparso nella notte, ritrovato morto in un campo

  • Lega: "A Bologna party universitario blasfemo, intervenga il Rettore"

  • Whoopi Goldberg a Bologna: da Hollywood alle osterie del centro

  • Morti in incidenti stradali: Bologna la più colpita, diventa obbligatorio l'alcol-lock

  • Incidente a Casalecchio: pedone investito all'incrocio

Torna su
BolognaToday è in caricamento