Cattivo odore in città: colpa di un'azienda di compostaggio di Ozzano 

Dopo la segnalazione dei cittadini è intervenuta Arpa Emilia-Romagna: i miasmi provengono da un'Azienda di compostaggio

Immagine di repertorio

Un persistente cattivo odore si è avvertito dalle prime ore della mattina in città, tanto che, dopo la segnalazione dei cittadini, è intervenuta Arpa Emilia-Romangna: i miasmi sono stati originati dalle attività di un’Azienda che si occupa di compostaggio del verde situata nel Comune di Ozzano dell’Emilia.

Arpa fa sapere che i tecnici hanno verificato un’intensità più forte dell’odore in prossimità dell’impianto e la causa: l’attività in corso inerente il rivoltamento di cumuli di materiale in compostaggio in fase di maturazione (erba, foglie e residui di potatura). La direzione prevalente del vento rilevata dalla centralina meteo presente presso l’impianto ha favorito la diffusione/dispersione degli odori, dall'impianto verso la città, principalmente verso le zone da cui sono arrivate le segnalazioni dei cittadini.

"Sono pertanto state concordate con i gestori dell’impianto alcune misure di mitigazione da mettere in atto fino al completamento della lavorazione all'origine dei cattivi odori (presumibilmente della durata di uno/due giorni)" fa sapere Arpae "l’Azienda proseguirà l’attività tenendo conto della direzione prevalente dei venti e negli orari in cui è minima la presenza di inversione termica".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Meteo, previsioni per il fine settimana: tornano pioggia e neve

  • Incidente a Budrio: un morto e un ferito sulla Trasversale di Pianura

  • Vuole offrire da bere agli 'amici': invece di ringraziarlo lo aggrediscono e lo rapinano

  • People Mover, avvio il 7 marzo per la navetta veloce tra aeroporto e stazione

  • Rapina la banca, poi confessa davanti al Giudice: “Mio figlio malato, la paga da operaio non basta”

  • "Evasione fiscale da 140 milioni di euro": Maxi sequestro della Finanza, anche auto storiche di lusso

Torna su
BolognaToday è in caricamento