Quartieri, da 9 a 6: passa l'accorpamento in Consiglio Comunale

San Vitale diviso in due. Accorpati Porto e Saragozza, Reno e Borgo Panigale. Merola: 'Erano 15 anni che si parlava di riforma dei quartieri, noi l'abbiamo fatta'

E' stata approvata ieri in Consiglio Comunale la riforma dei Quartieri di Bologna, che passano da 9 a 6: "E' un passaggio importante per Bologna e la sua comunità. La  nuova  missione  affidata ai Quartieri è quella di essere i garanti e i promotori della partecipazione del fare, di essere i costruttori di reti di relazioni  di comunità, di essere i soggetti che determinano le priorità di investimento attraverso il bilancio partecipativo (primo grande Comune che lo  inserisce  nel  suo  Statuto) - ha dichiarato il sindaco Virginio Merola -  e sui servizi i Quartieri, dal prossimo mandato, avranno strumenti rafforzati di indirizzo e controllo per garantire qualità e omogeneità su tutto il territorio cittadino. Erano 15 anni  che  si  parlava di riforma dei quartieri, due progetti inattuati nei mandati precedenti. Noi l'abbiamo fatta".

I 'NUOVI' QUARTIERI. San Vitale diviso in due: la zona entro le mura unificata al Santo Stefano, quella fuori a San Donato. Accorpati Porto e Saragozza, Reno e Borgo Panigale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: fermato treno a San Ruffillo. Era un falso allarme

  • Coronavirus, sotto osservazione due persone in Emilia: le analisi al Sant'Orsola

  • Coronavirus: in Emilia Romagna chiuse scuole, asili e luoghi di cultura. Stop a eventi e manifestazioni

  • Coronavirus, due nuovi casi a Modena e uno a Piacenza. In Emilia-Romagna 26 in totale. Venturi: "Proporremo nostra metodica alle altre Regioni"

  • Coronavirus, il sindacato scuola: "Sospendere attività fino all'8 marzo"

  • Coronavirus: 19 contagi in Regione, un caso anche a Modena. Migliaia di tamponi effettuati, attivo numero verde

Torna su
BolognaToday è in caricamento