Quattro nuovi libri per Palazzo Re Enzo

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di BolognaToday

Calendario ricco di eventi per la Giraldi editore che oltre ad avere uno stand per la vendita diretta al pubblico all’interno della Kermesse bolognese Regali a Palazzo, vedrà anche un susseguirsi di presentazioni dei propri libri nella magnifica Sala del Podestà a Palazzo re Enzo. Si comincia il 6 dicembre alle 19 con Bruna Orlandi che ci parlerà del suo libro “Nonostante libera – Il racconto come atto terapeutico”, intervistata dalla giornalista Silvia Santachiara. Il 7 dicembre alle 18 sarà la volta della presentazione del libro “194 – diciannove modi per dirlo” di Camilla Endrici edito dalla Giraldi editore. Dialogherà con la scrittrice Annamaria Tagliavini. Camilla Endrici, in questo libro racconta diciannove storie di donne che non sono diventate madri, facendo uno spaccato storico della situazione attuale in merito all’interruzione di gravidanza… Si terrà l'8 dicembre alle 15 la presentazione del libro “Bologna va in campagna” di Gianluigi Schiavon (giornalista e scrittore) e Paolo Miccoli (fotografo). Dialogherà con gli autori la scrittrice Fiorenza Renda. “Bologna va in campagna” è la continuazione di un viaggio, fra foto e poesie, immagini, suggestioni e ricordi, è il seguito ideale di “A Bologna c'era il mare”, l'altra opera di questa coppia di collaudati autori sempre edito da Giraldi Editore. Anche il nuovo volume contiene 100 foto più una ed ogni immagine è accompagnata da una poesia o un racconto in miniatura. Concluderà la serie di presentazioni il 9 dicembre alle 18 Gabriella Pirazzini con il suo libro “La Misura”. Dialogherà con l’autrice la giornalista Elisabetta Gori che farà da padrona di casa dirigendo anche gli altri ospiti: Cristina Valenti dell’Università di Bologna, Lisa Bellocchi giornalista, Paola Rossi fotografa, Luigi Tranchini lettore e Bruno Bagnaresi presidente della fondazione Matteo Bagnesi Onlus. Gabriella, ha scelto di devolvere il suo ricavato dai diritti d’autore alla Fondazione Matteo Bagnaresi Onlus*, dove la stessa autrice presta opera di volontariato come aiuto compiti nel dopo scuola.

Torna su
BolognaToday è in caricamento