Cattive frequentazioni, la Questura chiude bar in via Mazzini

A causa di continui episodi di clienti denunciati o arrestati e presenza assidua di pregiudicati, piazza Roosevelt ha disposto la sospensione della licenza per il "Dolce Vita"

Repertorio

Il Questore di Bologna ha disposto la sospensione della licenza per la somministrazione di alimenti e bevande del “BAR LA DOLCE VITA” , in via Mazzini 1. Il provvedimento, notificato nel corso della mattinata dal personale della Divisione Polizia Amministrativa e Sociale della Questura, si è reso necessario alla luce dei plurimi interventi effettuati dalle Forze dell’Ordine nel corso degli ultimi mesi.

Continui gli interventi nell'ultimo periodo da parte degli agenti, interventi che hanno portato, in taluni casi, all’arresto o alla denuncia di clienti, nonché – in un episodio – degli stessi gestori del locale. Tanti inoltre i controlli di iniziativa, nel corso dei quali è stata rilevata la ragguardevole presenza di avventori gravati da precedenti di Polizia e/o penali. Il locale quindi, dovrà tenere abbassate le serrande per 10 giorni.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Cronaca

      "Mi difenderò, ma ora passo indietro": Bernardini verso le dimissioni dal Consiglio

    • Cronaca

      Cani che attaccano l'uomo, l'esperto: 'Non dipende dalla razza"

    • Incidenti stradali

      Incidente in via Emilia Ponente: furgoncino contro Bus, sette feriti

    • Cronaca

      Uscita autostradale 'Aeroporto', Merola: "Non sembra sia utile"

    I più letti della settimana

    • Via Belle Arti: si spoglia e si 'buca' in pieno giorno

    • Le Fiamme Gialle al Cosmoprof: sequestrate apparecchiature per il lifting

    • Attentato a Londra: 28enne bolognese ferita a Westiminster

    • Incidente in viale Pietramellara: auto blu investe due pedoni

    • Suora tenta il suicidio gettandosi dal tetto del convento

    • Sala Bolognese: assalto al bancomat dell'ufficio postale, locali distrutti

    Torna su
    BolognaToday è in caricamento