Terremoto centro-Italia: raccolta fondi Emil Banca

Emil Banca raddoppierà quanto verrà donato dai propri dipendenti e amministratori. Tutto sarà rendicontato in maniera puntuale e trasparente

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di BolognaToday

Terremoto 2016 Centro Italia

Raccolta fondi Emil Banca per le popolazioni colpite dal sisma del 24 agosto

Emil Banca ha aderito alla campagna di solidarietà del Credito Cooperativo nazionale "Terremoto 2016 Centro Italia" attivando una raccolta fondi tra soci e clienti, chiedendo ai propri dipendenti di donare ore di lavoro e agli amministratori il gettone di presenza.

Emil Banca raddoppierà quanto verrà donato da dipendenti ed amministratori.

La cifra raccolta andrà a finanziare un progetto di ricostruzione specifico, che sarà individuato in collaborazione con la Bcc di Roma (fortemente presente in quel territorio e con una filiale ad Amatrice) ed altri partner locali, e sarà consegnata direttamente da Emil Banca ad un soggetto sul territorio.

Tutta la campagna di solidarietà, come avvenuto per l'iniziativa Emergenza Terremoto Emilia, sarà rendicontata passo dopo passo in maniera assolutamente trasparente per garantire a tutti che ogni centesimo donato arriverà effettivamente a destinazione.

Questo è il conto corrente su cui effettuare le donazioni (senza alcuna commissione di addebito)

IT 71 L 07072 02404 K01017741960

Intestato a Terremoto 2016 Centro Italia

"Ancora una volta siamo chiamati a dare una mano a chi si trova ad affrontare il dramma di un terremoto e i lutti che si porta dietro - ha dichiarato il direttore generale Emil Banca, Daniele Ravaglia - Solidali con chi in queste ore sta lavorando alacremente per affrontare e superare l'emergenza, non possiamo però fare a meno di pensare al futuro. Il terremoto ha distrutto tanti piccoli borghi e centri storici del Centro Italia. Diversi piccoli paesi, simili se non identici a quelli in cui la nostra banca ha preso vita e di cui oggi è parte integrante, non ci sono più. I fondi che raccoglieremo tra dipendenti, soci e clienti serviranno per ricostruirli e per dare una speranza di rinascita alle comunità colpite da sisma"

Torna su
BolognaToday è in caricamento