Ramazzini e Conad insieme per la ricerca contro il cancro

Al via una campagna di raccolta fondi nei punti vendita Conad• A Bologna saranno coinvolti 43 market del territorio provinciale• Sostegno ai progetti di ricerca dell’Istituto: Nordiconad raddoppierà, con una propria donazione, la somma donata dai cittadini

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di BolognaToday

Sarà attiva fino al 12 novembre, “Teniamo il cancro lontano dalle nostre vite”, campagna di raccolta fondi a supporto dei progetti di ricerca contro i tumori dell’Istituto Ramazzini. La campagna è stata promossa da Conad e Ramazzini. In tutti i punti vendita Conad delle province di Bologna, Modena e Ferrara, i clienti potranno donare 1 euro al Ramazzini, basterà comunicarlo in cassa al momento del pagamento. Nordiconad, una delle cooperative aderenti al consorzio nazionale Conad, raddoppierà i fondi raccolti tra i clienti, con una propria donazione all’Istituto Ramazzini. A Bologna saranno coinvolti 43 punti vendita su tutto il territorio provinciale, tra cui l’Iper Conad del centro commerciale di via Larga. Alcuni punti vendita saranno presidiati da soci e ricercatori del Ramazzini, che distribuiranno una cartolina con i consigli degli esperti del centro ricerche per mantenere uno stile di vita sano e un regime alimentare corretto, per tenere lontano il cancro dalle nostre vite. La cartolina è scaricabile da www.ramazzini.it o dai profili social dell’Istituto. L’Istituto Ramazzini è una cooperativa sociale onlus, che quest’anno compie trent’anni. E’ stata fondata dall’oncologo di fama mondiale Cesare Maltoni, a cui è intitolato il centro ricerche del Ramazzini, uno dei più accreditati centri internazionali per gli studi sperimentali sui rischi cancerogeni di sostanze, agenti, composti e tecnologie presenti negli ambienti e nei luoghi di lavoro. L’Istituto Ramazzini svolge anche attività di prevenzione oncologica nei poliambulatori di Bologna e Ozzano (Bo). “Quest’anno festeggiamo il nostro trentesimo compleanno, trent’anni di battaglie per la salute pubblica – dichiara Simone Gamberini, presidente dell’Istituto Ramazzini – Il Ramazzini è un’esperienza unica: una cooperativa con 28.000 soci che, con le loro iniziative di volontariato e raccolta fondi, sostengono la ricerca per la salute pubblica. Conad è un partner importante, il suo supporto ci consentirà di dare forza ai nostri progetti”. Ogni giorno, in Italia, si registrano circa 1.000 nuove diagnosi di tumore maligno (fonte: Airtum). Nuovi metodi diagnostici, chirurgia non invasiva e cure sempre più appropriate hanno consentito, negli anni, un aumento delle guarigioni e condizioni di vita migliori per i malati. Ma il cancro resta la seconda causa di morte in Italia. Si stima che nel 2016, in Emilia-Romagna, ci siano state 32.000 diagnosi di tumore maligno (fonte: Assessorato Sanità Regione E-R): il 52% delle quali a carico dei maschi fra i quali i tumori della prostata continuano ad avere la frequenza maggiore. Nelle donne il tumore più frequente si conferma il carcinoma mammario. “Siamo al fianco del Ramazzini in questa iniziativa perché condividiamo l’impegno per la prevenzione e la promozione di stili di vita sani. Sono valori che rientrano nel nostro modo di essere impresa cooperativa – dichiara Alessandro Beretta, direttore generale di Nordiconad – Sostenere il Ramazzini ci è venuto naturale, perché abbiamo chiaro il valore della ricerca contro il cancro. Siamo operatori economici che sentono la responsabilità verso il territorio e la comunità, non mancherà mai il nostro contributo a supporto di iniziative volte a migliorare la salute pubblica”.

Torna su
BolognaToday è in caricamento