Rapina davanti al Cassero, gli rubano il cellulare e gli chiedono soldi per riaverlo: arrestati

Gli hanno preso il cellulare e poi gli hanno chiesto il "riscatto": è andata male ai due giovani di origini marocchine, che sono stati ammanettati

Ieri sera un ragazzo del ferrarese (classe 1990) è stato rapinato abilmente davanti al Cassero, in via Don Minzoni. E' stato avvicinato con una scusa e rientrando nel locale si è poi accorto di non avere più il telefono cellulare: ha capito subito che gli era stato sottratto dall'individuo che aveva incontrato e con cui aveva parlato poco prima. Così è uscito per cercarlo.

Trovandolo fuori dall'Arcigay, gli ha chiesto il cellulare e lui gli ha risposto che non lo aveva lui, ma che sapeva chi glielo aveva preso e che con una quarantina di euro glielo avrebbe fatto restituire. Ecco che fa la comparsa il complice, mentre la vittima sborsa 42 euro: "Non seguirmi se no ti accoltello". Gli agenti di pattuglia hanno però individuato i due e, mentre il primo si era liberato del telefonino gettandolo, il secondo aveva ancora in tasca i soldi dell'estorsione: entrambi arrestati, sono stati condotti alla Dozza.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Meteo, previsioni per il fine settimana: tornano pioggia e neve

  • Sardine, il 19 gennaio 6 ore di musica e riflessioni: ecco chi salirà sul palco di Piazza VIII agosto

  • Incidente a San Lazzaro: 20enne investito sulle strisce

  • Vuole offrire da bere agli 'amici': invece di ringraziarlo lo aggrediscono e lo rapinano

  • Incidente a Sasso: scontro camion-corriera, passeggeri bloccati vicino il bordo della rupe

  • Rapina la banca, poi confessa davanti al Giudice: “Mio figlio malato, la paga da operaio non basta”

Torna su
BolognaToday è in caricamento