Restauro Nettuno e San Petronio: si pensa al cantiere visitabile e alla 'umarel card'

Durante i lavori il Gigante dovrà essere protetto, ma il cantiere potrebbe essere visitabile. Si attendono progetti

Proteggere i lavori sulla fontana simbolo di Bologna ma anche cantiere "visitabile" per i cittadini. C'è anche questo obiettivo nel progetto di comunicazione che il Comune di Bologna si appresta a varare per accompagnare il restauro del Nettuno.

Durante i lavori il Gigante dovrà essere protetto, ma si cercano progetti anche per questa operazione, ha detto l'assessore al Turismo di Palazzo D'Accursio, Matteo Lepore, oggi a margine di una conferenza stampa. "Vogliamo che il cantiere sia visitabile". Per il momento, la vasca è stata svuotata e il Gigante ingabbiato. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Si potrebbe pensare, ad esempio, alla "Umarel card" che da' diritto a seguire da vicino i lavori sulla basilica di San Petronio? "Vediamo le proposte", lascia aperte tutte le porte Lepore.  (agenzia Dire)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incendio in via Sant'Isaia, morta una giovane donna

  • Covid, nuovo focolaio corriere Tnt: chiuso il magazzino, test per tutti i lavoratori della logistica

  • Coronavirus, aumentano i contagi in regione: + 71. Donini alle aziende: "Fate screening"

  • Coronavirus Emilia-Romagna: altri 47 casi, metà a Bologna e 11 sintomatici

  • Dimesso dall'ospedale, torna e aggredisce operatore con calci e pugni

  • Coronavirus Emilia Romagna, bollettino 10 luglio: focolaio impresa di logistica, +36 casi a Bologna

Torna su
BolognaToday è in caricamento