Riders in protesta, consegne in tilt: "Di Maio aveva promesso, ma la legge non c'è ancora"

I ciclofattorini del cibo hanno fermato le loro biciclette per una sera e manifestato davanti a due fastfood: "Le aziende hanno approfittato dell'assenza del legislatore per ribadire il loro potere e peggiorare le condizioni lavorative in essere"

I riders sono tornati a protestare per le loro condizioni di lavoro. E' successo ieri sera e, come verificato dalle piattaforme di consegna a domicilio, gli effetti sono stati l'impossibilità di consegna di alcune insegne. 

«Da tempo denunciamo il ruolo negativo del governo, che non si è assunto la responsabilità di fare un intervento legislativo (come aveva promesso Luigi Di Maio) per regolamentare questo settore ed estendere diritti e tutele - spiagano, cartelli alla mano, davanti al fast food di Piazza VIII Agosto - Le aziende, che hanno dimostrato di non voler trattare con le lavoratrici e i lavoratori, hanno approfittato di questa assenza del legislatore per ribadire il loro potere e peggiorare le condizioni lavorative in essere. In questo contesto avviene un ribasso estremo sui nostri diritti e sulle nostre retribuzioni: un dumping selvaggio, che mette a rischio anche i risultati parziali che abbiamo ottenuto sul territorio con la sottoscrizione della Carta dei diritti di Bologna».

«Per aiutarci boicottate chi non ci garantisce i diritti» - VIDEO 

«In questi giorni i riflettori mediatici sono tornati a illuminare la situazione di precarietà e sfruttamento degli "invisibili" dell'economia on demand. Ieri le/i colleghe/i di Glovo hanno scioperato a Torino, bloccando il servizio e tornando a denunciare una situazione insostenibile. Oggi a Bologna tornano a "disconnettersi" le/i fattorine/i di Deliveroo. Lottiamo perché questa piattaforma dismetta la sua ipocrisia: gli ingenti capitali che raccoglie sul mercato finanziario è bene che inizi ad investirli per garantirci salario, assicurazione, contribuiti sociali e diritti invece che per pagare la Casaleggio Associati e voler influenzare il legislatore. Chiediamo anche al governo di farla finita con la politica degli annunci e delle promesse: siamo stufi di aspettare, vogliamo un decreto legge subito!»

Verso il termine della protesta i ragazzi controllano sulle piattaforme di consegna e notano con soddisfazione che il loro picchetto ha ottenuto i risultati sperati: alcuni ristoranti comunicato che è impossibile consegnare a domicilio. 

Potrebbe interessarti

  • Forno a microonde: fa veramente male alla salute?

  • L'olio di arachidi fa male? Ecco la verità

  • Spioncino digitale: come avere al sicuro la propria casa

  • Occhiaie: come corprirle con il make up

I più letti della settimana

  • Concorso Mibac, bando per 1052 vigilanti: requisiti e materie d'esame

  • Nadia Toffa è morta: aveva scelto Bologna per la sua prima uscita pubblica

  • Incidente in A14 tra Forlì e Cesena, muore ragazzo di San Lazzaro di Savena

  • Interporto, scuoiano una pecora nel parcheggio: tre denunciati

  • Incidente in A14, Vigili del Fuoco ed elisoccorso in azione

  • Incidente mortale sulla A14: chi era la giovane vittima

Torna su
BolognaToday è in caricamento