Rifiuti abbandonati o mal conferiti: controlli nei sacchetti, fioccano multe

Negli ultimi 4 anni le guardie ecologiche volontarie hanno ispezionato oltre 35.000 sacchetti ed emesso 3.578 verbali di ispezione, che corrispondono ai casi in cui sono stati individuati i cittadini responsabili. 2.700 i verbali sanzionatori stilati

Da quando operano a Bologna e provincia, le Guardie ecologiche volontarie hanno ispezionato oltre 35.000 sacchetti di rifiuti abbandonati o mal conferiti. E' il dato fornito in occasione dell'incontro che le Gev hanno avuto con il sindaco Virginio Merola e la Giunta.

Dal settembre 2012 al 31 marzo 2016, infatti, i volontari hanno messo in carniere 3.578 verbali di ispezione, che corrispondono ai casi in cui sono stati individuati i cittadini responsabili: considerando che ogni ispezione prevede in media di controllare una decina di sacchetti, si arriva ai 35.000 del totale. Su 3.578 ispezioni, poi, sono stati emessi 2.785 verbali sanzionatori dei quali 1.767 risultano pagati, 880 notificati e in attesa di pagamento; 138 i ricorsi presentati.

Solo nei primi tre mesi del 2016 le ispezioni sono state 248, con 200 verbali sanzionatori. Un altro campo di intervento è' quello dei rottami di bicicletta, i cosiddetti "ravaldoni": dal 2013 ad oggi le Gev hanno fatto 1.366 segnalazioni (con 1.290 rimozioni, effettuate dai proprietari o dall'associazione Demetra social bike); 122 le segnalazioni riferite al primo trimestre dell''anno in corso. E se bici abbandonate e supporto alla raccolta differenziata sono ormai due attivita'' consolidate, per le Gev potrebbe presto aggiungersi un nuovo impegno: il corpo, infatti, sta lavorando ad una convenzione con il Comune per vigilare anche sui comportamenti dei cittadini che possono favorire la diffusione della zanzare portatrice del virus Zika.

"Spero che potremo continuare con questa collaborazione", dichiara Merola, perchè la battaglia per il decoro urbano e il recupero del senso civico è aperta".Arrivati a questo punto "è importante non gettare la spugna ma prendere esempio dai cittadini come voi che si danno da fare per il rispetto delle regole", aggiunge il sindaco davanti alla platea delle Gev: "Dobbiamo continuare, non possiamo farci fermare dai comportamenti scorretti, più andiamo avanti con determinazione e più riuscieremo ad incidere" su questo terreno. "Ci sono tantissimi cittadini che giornalmente ci fermano per strada e ci ringraziano per il lavoro che facciamo", assicura il presidente delle Gev, Franco Presti: certo, "quelli che prendono sanzoni ci ringraziano molto meno, si lamentano, ma poi in realtà capiscono di aver sbagliato".

L'assessore alla Mobilità, Andrea Colombo, non ha dubbi: "La maggior parte dei cittadini è con voi", perchè il rispetto dell'ambiente e della città "non è un capriccio di qualcuno, ma una necessità per tutti". La fase di cambiamento che stanno attraversando le città spinge a "riaffermare alcuni corretti comportamenti che potrebbero sembrare ovvi e invece tali non sono", sottolinea l''ssessore all''Ambiente, Patrizia Gabellini: questa partita "non è per nulla finita. Anzi, direi che siamo nel pieno del guado" e bisogna sapere che serve "un'attività di educazione ma, allo stesso tempo, anche di sanzione se le cose non vanno a posto da sole".

agenzia Dire

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Virus cinese: cos'è, come si diffonde e come proteggersi

  • Incidente a Budrio: un morto e un ferito sulla Trasversale di Pianura

  • La dea bendata bacia il Christian bar: in via Toscana vinto 1 milione di euro

  • Regionali Emilia Romagna 2020, tutti i programmi elettorali

  • SPECIALE | Elezioni regionali Emilia Romagna 2020: dalle interviste ai candidati a tutte le info utili al voto

  • People Mover, avvio il 7 marzo per la navetta veloce tra aeroporto e stazione

Torna su
BolognaToday è in caricamento