Rifuti, cambia la differenziata: card anche per stanare gli evasori

A breve personale di Hera in pettorina gialla suonerà ai campanelli per consegnare le card ai cittadini

L'annunciata modifica alla raccolta dei rifiuti sarà anche un modo per stanare gli evasori della Tari. A breve personale di Hera in pettorina gialla suonerà ai campanelli per consegnare le card ai cittadini.

"Per quanto riguarda le utenze non schedate - ha detto oggi l'assessore comunale Alberto Aitini al question time di Palazzo D'Accursio - è chiaro che nel momento in cui i tutor andranno a casa delle persone a consegnare la tessera, per il fatto appunto di andare casa per casa è inevitabile che, se ci sono delle persone che non pagano la Tari, si scopriranno".

Meno parcheggi con i cassonetti?

"L'obiettivo non è ridurli - afferma Aitini - di ridurre i disagi dei cittadini che comunque già hanno difficoltà nel centro storico a trovare parcheggio, e si partirà dal posizionamento dei cassonetti per l'indifferenziato proprio dalle isole interrate, di fianco alle isole interrate dove già i parcheggi non ci sono". I cassonetti per l'indifferenziato, informa l'assessore, "andranno anche a sostituire le postazioni dove oggi ci sono i cassonetti per intenderci dei pannolini, in modo che non vadano a sostituire e a prendere il posto di stalli auto". 

Raccolta rifiuti, cosa pensano i bolognesi

Consiglio comunale diviso

Se Insieme Bologna apre con Gian Marco De Biase ("un primo passo ma la discontinuità c'è) ed Emily Clancy di Coalizione civica vede "un passo in avanti", molto critici sono 5 stelle e Lega, oltre alla ex 5 stelle Dora Palumbo. Per il vicepresidente del Consiglio comunale Marco Piazza, che avrebbe voluto un riconoscimento della sua idea dell'app, Bologna rischia di trasformarsi in "topolinia, la città dei topi. Rimangono - dice - i dubbi sulle calotte, prima di espanderle ovunque bisognerebbe risolvere i problemi che hanno creato al Savena, altrimenti faremo felici i topi". La Lega pone con Umberto Bosco il tema dell'abbandono dei rifiuti ("o si trasforma la città in uno stato di polizia o sarà difficile evitarlo") mentre secondo la capogruppo Paola Francesca Scarano lo "scempio dei sacchetti per strada non verrà evitato". Dubbi dei due partiti di Governo anche per quanto riguarda l'affidamento a Hera. Per Piazza, visto che sarà la spa multiservizi a fornire i nuovi cassonetti brevettati, "è il momento di comprare azioni Hera". (dire) 

Potrebbe interessarti

  • Forno a microonde: fa veramente male alla salute?

  • L'olio di arachidi fa male? Ecco la verità

  • Segreti e benefici del Tai Chi Chuan

  • Obesità infantile: come aiutare i vostri figli a mangiare meglio

I più letti della settimana

  • Incidente in A1, un morto: traffico bloccato la domenica del rientro

  • Incidente in A14 tra Forlì e Cesena, muore ragazzo di San Lazzaro di Savena

  • Concorso Mibac, bando per 1052 vigilanti: requisiti e materie d'esame

  • Incidente mortale sulla A14: chi era la giovane vittima

  • Nadia Toffa è morta: aveva scelto Bologna per la sua prima uscita pubblica

  • Interporto, scuoiano una pecora nel parcheggio: tre denunciati

Torna su
BolognaToday è in caricamento