Rimozione auto nel mirino della Procura, indagato il 're' dei carri-attrezzi

La ditta che ha l'appalto dal Comune per l'asportazione delle auto dalle zone vietate avrebbe 'gonfiato' alcune tariffe. L'indagine partita dalla Polizia Municipale

La Procura di Bologna ha aperto un'indagine nei confronti di Sabino Grossi, titolare della omonima ditta che da più di dieci anni rimuove le auto per conto del Comune di Bologna.

Come riportato nei giorni scorsi da diverse testate locali, si indaga per truffa aggravata: sotto la lente degli inquirenti sono le tariffe applicate in un caso particolare, ovvero quando il proprietario del mezzo arriva mentre l'auto non è ancora agganciata al carro attrezzi.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Proprio in quest'ultimo caso, sono state riscontrate centinaia di verbali irregolari, con arrotondamenti 'per eccesso' di qualche euro. L'indagine è partita da alcuni agenti della Polizia Municipale, insospettitisi per la condotta di un conducente di carro attrezzi durante un servizio di rimozione. Quasi tutte le irregolarità sarebbero avvenute durante le attività di rimozione per lavaggio strade. A ora sono una ventina le denunce arrivate da parte degli automobilisti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bollettino covid oggi: a Bologna (quasi) la metà dei nuovi contagi e decessi registrati in Regione

  • Coronavirus Emilia-Romagna, bollettino 23 maggio: +43 positivi, 193 guariti e calo dei casi attivi

  • Al fiume con gli amici, scompare tra i flutti: ragazzo trovato morto nel fiume Idice

  • Nuova ordinanza Bonaccini: da lunedì aprono centri sociali, circoli, parchi tematici e riprendono gli stage

  • Covid-19, al via le convocazioni per i test a campione: "1.000 solo a Bologna città, si viene contattati per telefono"

  • Spostamenti tra regioni in dubbio, Bonaccini: "Prudenza alta, si rischia la chiusura" 

Torna su
BolognaToday è in caricamento