Lodo Guenzi, 'Salvini muori': "La scritta mi fa schifo, lasciamo agli altri questa m....'

'Fra una settimana se è ancora lì la cancello io. Scegliamo l'intelligenza, soprattutto nello scontro'

Da Instagram

"Questa scritta mi fa schifo. È davanti casa mia e ogni mattina spero di trovarla cancellata". Lo ha scritto su Instagram Lodo Guenzi, cantante e frontman de Lo Stato Sociale commentando la scritta "Salvini muori" vergata su un muro sotto la sua casa a Bologna "ci penso spesso al perché mi fa tanto incazzare. Al di là della miseria della frase, ricevere questo tipo di merda fa parte della vita di un uomo pubblico, in fondo se succede a me figuriamoci a lui. Eppure io questa scritta non la sopporto".

Per Guenzi "Dovremmo lasciare ad altri queste cazzate, le minacce di morte alle famiglie sinti a cui consegnano la casa popolare, gli 'spero che i negri ti stuprino t***a' a Carola Rackete, i 'bruciamo i rom'. Lasciamo ad altri questo schifo e scegliamo l'intelligenza, il paradosso, l'ironia, il gioco, la poesia e la passione. Anche nello scontro, soprattutto nello scontro. Perché frasi come queste sono merda fascista, e non fanno che costruire una società fascista". L'artista ha poi proseguito con una riflessione: "Non so quando abbiamo cominciato ad arrenderci a questo squallore, ma rispondere alla merda con la merda farà sempre e solo vincere la merda. Chi parla male pensa male. Chi pensa male agisce male. Fra una settimana se è ancora lì la cancello io. Riprendiamoci le parole, lasciamo ad altri la merda", ha concluso.

Scritte e tag sui muri, Merola: 'Figli della Bologna bene, i genitori li difendono'

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Non solo massaggi al centro estetico: blitz dei Carabinieri a Pianoro

  • Gianni Morandi racconta il dolore per la perdita della figlia

  • Incidente sulla Statale: schianto tra auto, morta una donna

  • Morto in solitudine, gli amici si mobilitano per trovare i parenti: "Ivan se lo meritava"

  • 130 kg di droga sequestrati, raffica di arresti: base logistica a Castel Maggiore

  • Corticella: perde conoscenza sul bus 27, poi gli insulti e le minacce

Torna su
BolognaToday è in caricamento