Via Andreini, frasi choc su stupro: chiesa tappezzata di scritte contro Don Guidotti

Comparse nella notte tra sabato e domenica, si riferiscono ai commenti del parroco di San Domenico Savio, seguiti a un episodio di violenza ai danni di una 17enne

FOTO FACEBOOK

"Nessuna giustificazione alla violenza sulle donne, nessuna strumentalizzazione razzista", a firma #libere&indecorose. E' solo la più grande delle scritte che, nella notte tra sabato e domenica, sono state impresse a vernice spray lungo le pareti di mattoni della parrocchia di San Domenico Savio, prima periferia nel quartiere San Donato. Attorno alla scritta principale, ne campeggiano altre di ben altro tono, come "stuprare è da infami" e "Sei uno sbirro", oltre che varie bestemmie.

Non si conoscono le mani autrici del gesto, ma il riferimento è chiaramente riconducibile ai commenti di Don Guidotti sulla violenza denunciata pochi giorni fa da una 17enne, su un vagone della stazione. Il parroco, l'ex carabiniere Don Lorenzo Guidotti, aveva scritto un post al vetriolo contro la condotta della ragazza, accusata di essersi 'sballata' troppo e non aver prestato le dovute prudenze nei confronti di chi la accompagnava.

Già nella giornata di ieri alcuni parrocchiani hanno iniziato a cancellare le scritte, a partire da quelle blasfeme. La parrocchia si è riservata di sporgere denuncia alle autorità competenti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente a Budrio: un morto e un ferito sulla Trasversale di Pianura

  • La dea bendata bacia il Christian bar: in via Toscana vinto 1 milione di euro

  • SPECIALE | Elezioni regionali Emilia Romagna 2020: dalle interviste ai candidati a tutte le info utili al voto

  • People Mover, avvio il 7 marzo per la navetta veloce tra aeroporto e stazione

  • Regionali Emilia Romagna 2020, tutti i programmi elettorali

  • "Evasione fiscale da 140 milioni di euro": Maxi sequestro della Finanza, anche auto storiche di lusso

Torna su
BolognaToday è in caricamento