Persiceto, blitz nel laboratorio tessile: sequestri per un milione di euro

Manodopera in "nero", insalubrità dei luoghi di lavoro e impiego di immigrati irregolari. Due donne nei guai

Carabinieri, Nas e Polizia Municipale hanno fatto irruzione ieri in un laboratorio tessile di San Matteo della Decima, nel territorio di San Giovanni in Persiceto, dove hanno denunciato due cittadine cinesi di 54 e 45 anni. 

Diverse le irregolarità riscontrate: dei sette lavoratori impiegati in nero, senza alcuna copertura previdenziale, una 37enne era immigrata clandestina, con a carico una espulsione del questore di Bologna, e tutti, oltre a prestare la loro opera, vivevano e dormivano nei locali. L'azienda, che produce accessori per una nota griffe di moda, è stata sequestrata anche per insalubrità dei luoghi di lavoro. Tra azienda e prodotti, l'ammontare dei sequestro si aggira sul milione di euro. 

I Carabinieri avevano già controllato diverse aziende nel territorio nel mese di agosto, facendo scattare i sigilli per un laboratorio. Il titolare, costretto a chiudere l'azienda, per riaprire i battenti, ha utilizzato una prestanome che ieri è finita nei guai. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • I 4 borghi medievali più belli nella provincia di Bologna

  • Dai colli al centro città, i sette parchi più belli di Bologna

  • Basilica di San Petronio, la chiesa più grande di Bologna: 7 cose da sapere

  • Prezzi case a Bologna: la mappa zona per zona

  • Covid, nuovo focolaio corriere Tnt: chiuso il magazzino, test per tutti i lavoratori della logistica

  • No malattia lavoratori di Medicina, il sindaco: "Poca attenzione del Governo"

Torna su
BolognaToday è in caricamento