Scarpe di marca, imitazioni perfette vendute online: oscurati 2 siti

Tutto è partito dall'esposto di un cliente che non avrebbe potuto restituire la merce

Scarpe contraffatte di due noti marchi italiani, vendute su siti internet 'clone' delle case madri originali. Così la Guardia di Finanza di Bologna è arrivata a sequestrare due siti internet, inibendone l'accesso attraverso i provider nazionali. Sui portali, come ricostruito dalla FIamme Gialle felsinee, erano venduti a prezzi stracciati pordotti a prima vista originali, ma che a successivi controlli sono risultati contraffaftti. Inoltre, anche i siti in questione avevano una veste grafica in tutto e per tutto simile agli originali tanto da indurre in errore i consumatori. 

Tutto è partito da un esposto-denuncia presentato da un ex cliente che aveva comprato scarpe per circa 250 euro. Una fattura di accompagnamento della merce che indicava Hong Kong quale luogo di provenienza e l'impossibilità di restituire il prodotto hanno insospettito l'acquirente. Gli accertamenti delle Fiamme Gialle avrebbero riscontrato che le calzature erano prodotte e personalizzate con accessori di produzione e standard di lavorazione non conformi a quelli utilizzati dalla 'casa madre' e venivano vendute a prezzi, rispetto ai valori dei beni genuini, inferiori dal 30% al 50%.

Così i due siti internet - gestiti da domini di proprietà di una società statunitense e costituiti da soggetti di etnia cinese- sono stati oscurati.
 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Grave lutto per Cesare Cremonini: morto il papà Giovanni

  • Lutto all'Alma Mater: morto a 94 anni Alfonso Traina, professore emerito, filologo e latinista

  • Funerale Giovanni Cremonini, in centinaia per l'ultimo saluto al babbo di Cesare

  • Piazzola sospesa per due giorni, gli ambulanti protestano

  • Incidente a Budrio: schianto tra auto alla Riccardina

  • Esce di casa e non torna, trovato di notte nel fiume

Torna su
BolognaToday è in caricamento