Casalecchio, scioperano ancora i lavoratori dell'Ikea: "Un diktat più che una trattativa"

Quinto giorno di sciopero al magazzino Ikea di Casalecchio. E anche oggi i dipendenti della multinazionale sono fuori dalle porte del negozio di via John Lennon con volantini e gazebo

Immagine di repertorio

E' arrivato al quinto giorno consecutivo lo sciopero dei lavoratori Ikea presso il magazzino di Casalecchio di Reno, in provincia di Bologna. E anche oggi, vigilia di ferragosto, i dipendenti della multinazionale saranno fuori dalle porte del negozio di via John Lennon con volantini e gazebo per spiegare ai cittadini i motivi della mobilitazione.Lo striscione con l'articolo 36 della Costituzione, "Il lavoratore ha diritto ad una retribuzione proporzionata alla quantita' e qualita' del suo lavoro e in ogni caso sufficiente ad assicurare a se' e alla famiglia un'esistenza libera e dignitosa", campeggia tra gli stand.

Miriam Planesio della Rsu ribadisce cosi' le motivazioni della protesta: "L'Ikea con la disdetta dell'integrativo aziendale abbatte di netto del 20% le buste paga dei lavoratori. La cosa peggiore e' che mentre noi continuiamo a chiedere di riaprire la discussione l'azienda invece ribadisce il fatto o che accettiamo tutto quello che ci vogliono imporre o niente. Questa non e' una trattativa, questo e' un diktat".

L'esito degli ultimi incontri "ha visto posizioni inconciliabili - aggiunge spiega Andrea Carra' della Filcams-Cgil di Bologna- Ikea rimane ferma nella sua pretesa di vedersi restituite delle poste importanti dal punto di vista economico nel trattamento salariale dei lavoratori e noi ci siamo dichiarati indisponibili a rendere variabili cifre oggi garantite e a un contenimento delle maggiorazioni per il lavoro festivo-domenicale cosi' come richiesto da Ikea. Continua a pesare forte la disdetta della contrattazione aziendale per settembre, azzerando improvvisamente decenni di contrattazione".

Prosegue quindi anche per oggi la mobilitazione dei lavoratori "che pezzo dopo pezzo stanno smontando le sicurezze e l'immagine di 'azienda perfetta' dell'Ikea". Nell'ambito della vertenza non e' escluso anche un flash mob-girotondo dei dipendenti di Ikea sul 'crescentone' di piazza Maggiore in occasione di una delle ultime proiezioni dei film all'aperto.

(agenzia Dire)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sente rumori sospetti in casa e spara, ucciso un uomo

  • Scomparso nella notte, ritrovato morto in un campo

  • Whoopi Goldberg a Bologna: da Hollywood alle osterie del centro

  • Lega: "A Bologna party universitario blasfemo, intervenga il Rettore"

  • Morti in incidenti stradali: Bologna la più colpita, diventa obbligatorio l'alcol-lock

  • Rifiuti, stop indifferenziata porta a porta: da oggi si usa solo la Carta Smeraldo

Torna su
BolognaToday è in caricamento