Sciopero operai aziende meccaniche: adesione alta nelle grandi aziende

L'astensione in concomitanza con il raduno a Firenza per un corteo unitario

"Fabbriche e officine ferme" a Bologna per lo sciopero nazionale dei metalmeccanici. Per Fiom-Cgil, Fim-Cisl e Uilm-Uil, la mobilitazione è stata un successo con un tasso di adesione media nelle aziende bolognesi del 60%. "Sin dalle prime ore della mattina di oggi si è capito che lo sciopero generale dei metalmeccanici è riuscito. I dati che arrivano dalle aziende segnalano linee ferme, reparti produttivi e officine vuote", fanno sapere i sindacati, aggiunge che circa 1.500 lavoratori sono partiti dal capoluogo emiliano per partecipare al corteo di Firenze (25 i pullmann in partenza da Bologna).

Lo sciopero ha interessato alcune delle più importanti aziende metalmeccaniche della città, con punte del 90% sulle linee di Lamborghini e nei reparti produttivi e in officina alla Ducati Motor. Adesione al 60% in Gd e al 70% in Toyota. Hanno icrociato le braccia il 75% dei lavoratori di Bonfiglioli, il 60% alla Magneti Marelli ("punte dell'80% in produzione"), il 75% dei dipendenti dell'Alberto Sassi. Adessione altissima anche alla Motori Minarelli (90%), alla Saga Coffee (70%), alla Marzocchi Pompe (80%) e in Philips Espresso Industry (70%).

Fim, Fiom e Uilm di Bologna "esprimono grande soddisfazione per la riuscita della giornata di lotta e mobilitazione che arriva dopo una lunga e diffusa campagna di assemblee in oltre 350 aziende del territorio e ringraziano le lavoratrici ed i lavoratori che hanno partecipato alla manifestazione e che hanno scioperato".

I sindacati, dunque, tornano a Bologna "all'attivita' quotidiana di contrattazione nelle aziende, di difesa dei posti di lavoro, di estensione dei diritti, consapevoli che l'unità sindacale e l'unità dei lavoratori sono determinanti per rimettere al centro dell'agenda politica e sociale del Paese l'industria e il lavoro industriale, la dignità delle persone che lavorano e il diritto delle persone ad avere equità fiscale e giuste retribuzioni". (Vor/ Dire) 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Grave lutto per Cesare Cremonini: morto il papà Giovanni

  • Lutto all'Alma Mater: morto a 94 anni Alfonso Traina, professore emerito, filologo e latinista

  • Funerale Giovanni Cremonini, in centinaia per l'ultimo saluto al babbo di Cesare

  • Piazzola sospesa per due giorni, gli ambulanti protestano

  • Esce di casa e non torna, trovato di notte nel fiume

  • Medicina: si ubriaca, picchia tutti e danneggia il bar

Torna su
BolognaToday è in caricamento