Sciopero Ryanair, il bilancio del giorno dopo: 29 voli cancellati e disagi per i viaggiatori

In tanti hanno ricevuto il messaggio di disdetta quando si stavano già recando all'aeroporto. Il vettore in alcnuni casi ha riparato offrendo tratte alternative. Oggi sciopero all'estero, ma voli sembrano regolari

E' di 29 voli cancellati il bilancio della giornata di passione che hanno dovuto affrontare i viaggiatori in transito all'aeroporto Marconi di Bologna nella giornata di ieri 25 luglio. Anche oggi uno sciopero degli equipaggi Ryanair è previsto, ma non riguarda i dipendenti italiani e i voli in arrivo e in partenza sono tutti al momento regolari.

Inevitabili code e disagi per i passeggeri in partenza dallo scalo bolognese: alcuni sono stati informati dalla compagnia mentre erano già in viaggio verso l'aeroporto, per altri invece si è trattato di aspettare diverse ore prima di potersi imbarcare su un altro volo. La compagnia ha comunicato la disponibilità al rimborso del biglietto ma il Movimento consumatori istruisce sulle possibilità di un vero e proprio risarcimento, anche grazie a una recente sentenza della corte di giustizie europea.

"In caso di cancellazione -spiega l'associazione in una nota- la compagnia deve anzitutto offrire al passeggero la scelta tra rimborso del biglietto e riprotezione su un volo alternativo (partenza sul primo volo disponibile). Se questo non accade, se cioè la compagnia si limita a rimborsare il biglietto senza proporre la riprotezione, il passeggero che abbia acquistato un nuovo biglietto (anche da un vettore diverso) ha il diritto di richiedere la differenza di prezzo tra quello rimasto inutilizzato e quello sostitutivo".

Altre possibilità di chiedere risarcimenti ci possono essere partendo dalla comunicazione del disservizio. "È molto importante verificare il momento in cui è stata comunicata la cancellazione: il Regolamento europeo in merito prevede il versamento della compensazione pecuniaria, che tuttavia non è dovuta quando la cancellazione viene comunicata con un preavviso di almeno due settimane. Anche il ritardo all’arrivo superiore alle tre ore dà diritto al passeggero alla compensazione. Inoltre, conclude la nota, "sia in caso di cancellazione che in caso di ritardo prolungato la compagnia è poi sempre tenuta a fornire ai passeggeri l’assistenza prevista dal regolamento europeo (pasti, bevande, sistemazione in albergo, etc.)".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Meteo, previsioni per il fine settimana: tornano pioggia e neve

  • Cade dalle scale mentre scende dalla Torre Asinelli: soccorsi sul posto

  • Sardine, il 19 gennaio 6 ore di musica e riflessioni: ecco chi salirà sul palco di Piazza VIII agosto

  • Incidente a San Lazzaro: 20enne investito sulle strisce

  • Vuole offrire da bere agli 'amici': invece di ringraziarlo lo aggrediscono e lo rapinano

  • Lutto in città, se ne va la mitica 'Agnese delle cocomere'

Torna su
BolognaToday è in caricamento