Scuola: sciopero insegnanti e tecnici, a rischio le lezioni

Confermato nei giorni scorsi lo sciopero per oggi e domani. La protesta degli insegnanti con diploma magistrale. Gli istituti scolastici invitano i genitori a recaresi personalmente a scuola

Dopo il primo maggio, uno sciopero indetto dalle sigle Anief e Saese per oggi e domani rischia di far scattare un maxi ponte per il mondo della scuola. Al centro della protesta la recente sentenza del Consiglio di Stato che, sebbene non giudichi nel merito, ha messo di fatto a rischio il posto nelle graduatorie ad esaurimento di tutti gli insegnanti non laureati (i cosiddetti diplomati magistrali).

Dalla mobilitazione chiamata dai due sindacati di categoria sono coinvolte principalmente le scuole primarie e secondarie, e alcuni istituti, come ad esempio l'Ic9 delle scuole Savio e Guercino hanno già fatto sapere che "potrà non essere garantito il regolare svolgimento delle lezioni" e che "i genitori sono invitati ad accompagnare personalmente i figli a scuola per verificare la presenza del docente di classe mantenendoli sotto la propria responsabilità". L'invito all'astensione è esteso anche a tutto il personale Ata e ai supplenti. Se la sentenza dovesse essere confermata nel merito, migliaia di docenti non laureati potranno essere licenziati dal 30 giugno o comunque essere espulsi dalle graduatorie per l'assunzione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Meteo, previsioni per il fine settimana: tornano pioggia e neve

  • Sardine, il 19 gennaio 6 ore di musica e riflessioni: ecco chi salirà sul palco di Piazza VIII agosto

  • Vuole offrire da bere agli 'amici': invece di ringraziarlo lo aggrediscono e lo rapinano

  • Incidente a Budrio: un morto e un ferito sulla Trasversale di Pianura

  • Incidente a Sasso: scontro camion-corriera, passeggeri bloccati vicino il bordo della rupe

  • Rapina la banca, poi confessa davanti al Giudice: “Mio figlio malato, la paga da operaio non basta”

Torna su
BolognaToday è in caricamento