Disperso in mare: ripescato a largo di Ortona il cadavere del canoista bolognese

I parenti hanno proceduto al riconoscimento all'obitorio dell'ospedale di Chieti

Il cadavere avvistato e recuperato nel pomeriggio di ieri a largo di Ortona, in provincia di Chieti, è del canoista bolognese 44 che il 6 dicembre si era avventurato al largo nella zona di Ravenna non facendo più ritorno. I parenti hanno proceduto al riconoscimento all'obitorio dell'ospedale di Chieti.

Con il gioco delle correnti, si era ipotizzato che in caso di affogamento, il corpo sarebbe stato trascinato verso sud. Il giorno dopo era stata individuata e riportata a terra la canoa sulla quale si era allontanato. 

Il corpo è stato avvistato a circa 40 miglia dal porto dall'equipaggio di un peschereccio, che ha subito avvisato la Guardia costiera. Sul posto, sono arrivate alcune motovedette coordinate dalla Direzione Marittima di Pescara.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ultraleggero precipitato ad Argelato: morto in ospedale il giovane pilota

  • Precipita con l'aereo, morto a 23 anni: chi era la vittima

  • Lizzano, trovato in un bosco lungo fiume: morto snowboardista 59enne

  • Perdita d'acqua in via Indipendenza, negozi allagati e disagi al traffico | VIDEO - FOTO

  • Musica a tutto volume nel condominio, i carabinieri gli staccano la luce

  • Al Maggiore primo intervento al mondo di asportazione di colon e fegato eseguito con robot

Torna su
BolognaToday è in caricamento