Una scultura per Lucio Dalla in Piazza Cavour

Sarà installata su una panchina. Targa commemorativa invece sulla casa natale

La Giunta di Palazzo d’Accursio ha accettato con una delibera la donazione di una statua che raffigura Lucio Dalla seduto su una panchina – già esistente e strutturalmente rinforzata - di Piazza Cavour e ha contestualmente autorizzato la posa di una lapide commemorativa dell'artista bolognese sulla sua casa natale.

Entrambi gli interventi verranno inaugurati alla presenza di rappresentanti del Comune di Bologna e della Regione Emilia-Romagna in occasione della Rassegna per la celebrazione del compleanno dell’artista, curata da Fondazione Lucio Dalla. I dettagli dell’inaugurazione saranno dunque resi noti il prossimo 22 febbraio in occasione della presentazione della Rassegna.

La scultura è opera dell'artista Antonello Paladino ed è stata donata al Comune di Bologna da Lino Zaccanti, cugino ed erede di Lucio Dalla che, legato all’artista da un particolare rapporto di affetto, oltre a condividere con i cugini l’omaggio della lapide ha voluto rendere anche un personale tributo alla memoria di Lucio Dalla e alla città di Bologna e ha personalmente curato la posa dell'opera approvata dalla Soprintendenza.

Ora l'opera entra a far parte del patrimonio del Comune di Bologna che ne assicurerà la conservazione negli anni. La lapide commemorativa, che verrà apposta alla facciata della casa natale dell'artista in Piazza Cavour, è stata voluta dai cugini di Lucio Dalla e curata dalla Fondazione Lucio Dalla.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: fermato treno a San Ruffillo. Era un falso allarme

  • Coronavirus, sotto osservazione due persone in Emilia: le analisi al Sant'Orsola

  • Lizzano, trovato in un bosco lungo fiume: morto snowboardista 59enne

  • Diodato canta a sorpresa "Fai rumore" sotto i portici di via Oberdan

  • "Appropriazione indebita": sequestrati 100 immobili a Bologna

  • Grande Fratello Vip, la confessione di Andrea Montovoli: "Sono stato in carcere"

Torna su
BolognaToday è in caricamento