Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...

San Lazzaro: inaugurato il primo polo dell'infanzia gratis

Completamente riqualificata la scuola a Castel de' Britti. Un investimento da 645mila euro

 

E’ stato inaugurato nei locali dell’ex scuola elementare a Castel de’ Britti  "Falò": il primo polo per l’infanzia 0-6 anni, completamente gratuito. Una imponente riqualificazione da 645mila euro, co-finanziata dalla Regione Emilia Romagna per 286mila euro. Un progetto innovativo che rispetta tutte le normative vigenti in materia di sicurezza, e totalmente gratuito per le famiglie di San Lazzaro.  

“Questo per noi e per tutta la comunità è un momento di grande gioia – spiega il sindaco Isabella Conti - Questo polo è l’emblema del lavoro che abbiamo messo in campo per i nidi d’infanzia. "Falò" è il primo nido gratuito che assieme ad altre misure, come gli incentivi per l’acquisto dei pannolini lavabili, ci consente di dare un aiuto concreto alle famiglie e alle giovani coppie alle prese con le sfide quotidiane della genitorialità. La nostra missione di rendere tutti i nidi gratuiti nel 2020 inizia con questo primo passo”. E incalza: “Questa scuola era stata chiusa nel 2012 a fronte del terremoto in Emilia, e dentro questo progetto di riqualificazione e rigenerazione ci sono tantissimi elementi che si legano: sicurezza antisismica, riportare a nuova vita edifici storici come questo e il progetto educativo, perché questo polo sarà nido e materna. Si inizia con la prima classe e andando avanti negli anni i bambini potranno rimanere qui fino ai sei anni”.

Presente al taglio del nastro anche il presidente della Regione Emilia Romagna, Stefano Bonaccini: “ Una struttura bella, accogliente, all’avanguardia, sia per l’organizzazione degli spazi  che per  il tipo di progetto  didattico scelto. Con questo nuovo polo per  l’infanzia si rafforza e qualifica ulteriormente il sistema educativo, non solo di SanLazzaro,ma dell’intero territorio regionale. Dall’inizio del nostro mandato abbiamo posto famiglie e bambini al centro delle politiche di Welfare : solo nel 2018, tra risorse statali e regionali,i servizi per l’infanzia hanno ricevuto oltre 27 milioni  di euro, e anche quest'anno saremo in grado di assicurare ai Comuni risorse ingenti, che potranno essere utilizzate per contenere le rette, aumentare le convenzioni o ridurre le liste d'attesa.Continueremo a lavorare assieme ai territori per dare risposte concrete ai bisogni delle famiglie, in un ambito così importante come quello del sostegno alla genitorialità".
 

Potrebbe Interessarti

Torna su
BolognaToday è in caricamento