"Sentinelle in piedi" in Piazza Re Enzo: un'ora in silenzio a tutela della famiglia naturale

Si sono ritrovati con un libro o un fumetto rimanendo in piedi e in silenzio per un'ora. E' solo l'ultima piazza ad ospitare la mobilitazione contro le unioni civili e il ddl Scalfarotto in questi giorni al senato

Sotto gli sguardi un po' stupiti dei passanti, si sono ritrovati alle 19.30 a Piazza Re Enzo: con un libro o anche un fumetto da leggere, sono rimasti in piedi per un'ora. E' il flash mob silenzioso delle "Sentinelle in piedi", una "resistenza di cittadini che vegliano per la libertà d’espressione e per la tutela della famiglia naturale fondata sull’unione tra uomo e donna", si legge nella nota.

Il silenzio si è rotto alle 20.30 in punto, quando la portavoce ha dato appuntamento al prossimo evento, convocato a Ferrara, a qual punto alcuni manifestanti si sono fermati a parlare con i cittadini, anche omosessuali, spiegando il loro punto di vista (GUARDA IL VIDEO).

Piazza Re Enzo è solo l'ultima delle piazze a ospitare la singolare protesta contro il ddl Scalfarotto contro l'omofobia e la transfobia, approvato dalla Camera e ora in Senato, che, secondo le "sentinelle" verrebbe presentato per fermare atti di violenza e aggressione nei confronti di persone con tendenze omosessuali, ma di fatto "fortemente liberticida in quanto non specifica cosa si intende per omofobia lasciando al giudice la facoltà di distinguere tra un episodio di discriminazione e una semplice opinione".

LE MANIF POUR TOUS ITALIA. Neonata associazione, che si lega all'omonina realtà francese, per mobilitare i cittadini contro il progetto di “unioni civili proposto dal Partito Democratico e appoggiato dal Presidente Renzi in contrasto con i criteri direttivi presenti nella Costituzione sul rapporto tra il riconoscimento dei “diritti inviolabili dell’uomo nelle formazioni sociali ove si svolge la sua personalità” (art. 2), tra i quali rientrano i diritti personali dei componenti un’unione omosessuale, e il riconoscimento degli specifici “diritti della famiglia come società naturale fondata sul matrimonio” (art. 29)". (fonte: Le Manif pour tous Italia).

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: fermato treno a San Ruffillo. Era un falso allarme

  • Coronavirus, sotto osservazione due persone in Emilia: le analisi al Sant'Orsola

  • Coronavirus: in Emilia Romagna chiuse scuole, asili e luoghi di cultura. Stop a eventi e manifestazioni

  • Coronavirus: 19 contagi in Regione, un caso anche a Modena. Migliaia di tamponi effettuati, attivo numero verde

  • Coronavirus : l'Università di Bologna sospende lezioni, esami e lauree

  • Coronavirus in Emilia-Romagna, 7 nuovi casi: "Tutti riconducibili al focolaio lombardo"

Torna su
BolognaToday è in caricamento