Piazza Verdi e sicurezza, il sociologo: 'Spostare l'università fuori dal centro'

Durante una seduta in commissione a Palazzo D'accursio il professore Marzio Barbagli torna su un progetto accantonato: 'Ipotesi Staveco lasciata cadere, ma...'

Piazza Verdi, e in generale la zona universitaria di Bologna, "continuano ad essere, nonostante i piccoli apparenti miglioramenti, una fonte di insicurezza". E sul punto, afferma il docente emerito dell'Alma Mater, Marzio Barbagli, "né l'Università, né il Comune hanno attuato l'unica soluzione possibile, vale a dire spostare l'Università fuori dal centro storico, come avviene in tante altre città".

La denuncia di Barbagli arriva durante una seduta di commissione a Palazzo D'Accursio dedicata all'andamento dei reati in città. Sul punto il docente spiega che a Bologna, dal 1984 ad oggi, sono fortemente aumentati reati contro il patrimonio come i borseggi e altre violazioni che, pur non costituendo reato, contribuiscono ad alimentare il senso di insicurezza dei cittadini.

Si tratta, in buona parte, di reati che spesso vengono commessi in zona universitaria, ma secondo il docente Comune e Ateneo finora non hanno attuato l'unica soluzione possibile. "Non so- chiosa Barbagli- se sul punto ci sia un'alleanza tra Comune e rettore, fatto sta che l'ultima ipotesi a cui si era pensato, vale a dire la Staveco, è stata fatta cadere, e nonostante i piccoli apparenti miglioramenti, tutta la zona universitaria continua ad essere una fonte di insicurezza". (DIRE)

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Non solo massaggi al centro estetico: blitz dei Carabinieri a Pianoro

  • Gianni Morandi racconta il dolore per la perdita della figlia

  • Morto in solitudine, gli amici si mobilitano per trovare i parenti: "Ivan se lo meritava"

  • Incidente sulla Statale: schianto tra auto, morta una donna

  • 130 kg di droga sequestrati, raffica di arresti: base logistica a Castel Maggiore

  • Corticella: perde conoscenza sul bus 27, poi gli insulti e le minacce

Torna su
BolognaToday è in caricamento