Rissa in stazione: feriti con armi da taglio, in tre in ospedale

Il litigio sfociato nell'aggressione probabilmente per motivi legati al piccolo spaccio

Tre uomini di 47, 37 e 35 anni sono stati denunciati dalla Polizia ferroviaria, per rissa e lesioni. I fatti si sono svolti nella notte tra sabato e domenica. A darne notizia Il Resto del Carlino. Tutto è cominciato quando alcuni passanti hanno avvisato la Polfer di un violento litigio, sfociato nel sangue.

Giunti sul posto, gli agenti hanno trovato il 47enne e il 37enne, entrambi cittadini marocchini, con vistosi e profondi taglio su veria parti del corpo. Secondo la testimonianza di questi ultimi, a provocare loro le ferite sarebbe stato un loro connazionale, raggiunto e riconosciuto come un 35enne, fermato a poca distanza dal luogo dell'intervento. Tutti i protagonisti della vicenda sono poi stati trasportati all'ospedale Maggiore per le cure del caso. A scatenare la furiosa lite, culminata nel ferimento delle vittime con armi da taglio -un coltello o un coccio di bottiglia- sarebbero stati motivi legati al piccolo spaccio in strada.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: fermato treno a San Ruffillo. Era un falso allarme

  • Coronavirus, sotto osservazione due persone in Emilia: le analisi al Sant'Orsola

  • Coronavirus: in Emilia Romagna chiuse scuole, asili e luoghi di cultura. Stop a eventi e manifestazioni

  • Coronavirus, due nuovi casi a Modena e uno a Piacenza. In Emilia-Romagna 26 in totale. Venturi: "Proporremo nostra metodica alle altre Regioni"

  • Coronavirus: 19 contagi in Regione, un caso anche a Modena. Migliaia di tamponi effettuati, attivo numero verde

  • Coronavirus, il sindacato scuola: "Sospendere attività fino all'8 marzo"

Torna su
BolognaToday è in caricamento