Bologna ricorda la Strage di Ustica: "Aereo abbattuto, il ministro insista sulle rogatorie"

Daria Bonfietti, presidente dell'asso-parenti delle vittime insiste e respinge con forza le tesi alternative. Alla cerimonia presente Roberto Fico

"Chiedo a chi sa di parlare fino in fondo. Perché non può morire con questo segreto in pancia". Anche perché "dopo 40 anni non c'è ragione di Stato che tenga".

A dirlo è il presidente della Camera, Roberto Fico, oggi a Bologna per la commemorazione della strage di Ustica nel 40esimo anniversario dal 27 giugno 1980, dove un DC9 della Itavia precipitò portando con se 81 vittime.

Fico si riferisce a "pezzi di Stato che sanno. E mi chiedo anche se non sia arrivato il momento di parlare anche da parte di qualcuno all'interno dei nostri servizi segreti", manda a dire il presidente della Camera. Fico insiste e garantisce il suo impegno per arrivare a fare piena luce su Ustica.

Anche "quando sono andato in Francia, per incontrare il presidente del Parlamento francese- ricorda- il primo punto che ho posto è stato Ustica. Noi vogliamo una risposta vera e non formale alle rogatorie, per questo voglio un lavoro diplomatico molto più forte".

Alla cerimonia erano presenti anche il isndaco Virginio Merola e il governatore della Regione Stefano Bonaccini. Così cime, ovviamente, Dari Bonfietti, presidente della associoazione dei parenti delle vittime. Bofietti si scaglia contro i teorici della 'bomba a bordo' e della 'pista palestinese' di recente riproposti dal senatore modenese Carlo Giovanardi.

Nel merito, Bonfietti replica così: "Respingendo le vergognose campagne di falsità e depistaggi messe in atto dai nostalgici della bomba a bordo, ribadiamo che la verità è quella che ci ha consegnato il giudice Priore e poniamoci come irrinunciabile obiettivo, per la dignità stessa di questo Paese, di avere la totale spiegazione di quanto è avvenuto".

"'C'era la guerra quella notte nei nostri cieli'- ricorda Bonfietti citando il giudice Rosario Priore- 'il Dc9 è stato abbattuto'. Questa è la verità. Una verità che deve essere completata con l'individuazione degli autori materiali della strage: chi nel cielo quella sera ha compiuto l'azione mortale".

Dunque, conclude, "è ancora aperta una indagine da parte della Procura della Repubblica di Roma: a questi giudici deve essere fornito ogni tipo di documentazione. Crediamo a un ruolo determinante del ministero della Giustizia per la gestione delle rogatorie internazionali e per questo chiediamo al ministro Bonafede sforzi ulteriori, mentre gli riconosciamo l'impegno preso per la digitalizzazione di tutti gli atti relativi alla vicenda di Ustica".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Conoscendo Bonfietti e il suo grande impegno civile, sono solito crederle: non ha mai parlato a caso- dice Bonaccini- faccio mie le sue parole e chiederemo al Governo di impegnarsi di più". Sulla stessa linea il sindaco. "Bisogna togliere il segreto e completare quello che manca- dice Merola- cioè scoprire l'identità nazionale dell'aereo che ha lanciato il missile. La richiesta è più che giusta". (DIre)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • I 4 borghi medievali più belli nella provincia di Bologna

  • Dai colli al centro città, i sette parchi più belli di Bologna

  • Basilica di San Petronio, la chiesa più grande di Bologna: 7 cose da sapere

  • Prezzi case a Bologna: la mappa zona per zona

  • Covid, nuovo focolaio corriere Tnt: chiuso il magazzino, test per tutti i lavoratori della logistica

  • No malattia lavoratori di Medicina, il sindaco: "Poca attenzione del Governo"

Torna su
BolognaToday è in caricamento