T-Days: al via il censimento dei disabili residenti in zona 'T'

Lo ha annunciato l'assessore alla mobilità per poi "vedere come per ognuno possa esserci una soluzione" rispetto alle difficoltà incontrate a causa della pedonalizzazione durante il week-end

Il "censimento" di tutti i disabili residenti nella zona ''T'' del centro. Lo ha annunciato oggi l'assessore alla mobilità Irene Priolo per poi "vedere come per ognuno possa esserci una soluzione" rispetto alle difficoltà incontrate a causa dei T-Days.

L'assessore stamattina ha incontrato in commissione diverse associazioni di disabili, che non bocciano i T-Days, ma chiedono misure: "Ci viene preclusa la possibilità di tornare a casa anche nei giorni senza T-Days", afferma Maria Adamo dell'Associazione italiana osteogenesi imperfetta (Asitoi), che prende di mira gli stand allestiti per le numerose manifestazioni organizzate nel centro. Servono "correttivi che aiutino davvero le persone a potersi muovere nella massima autonomia possibile", sollecita Mauro Pepa dell'Associazione nazionale mutilati invalidi civili (Anmic), ricordando le richieste messe in campo durante la campagna elettoralecome gli stalli H in tutte le perpendicolari di via Ugo Bassi, via Rizzoli e via Indipendenza e le navette elettriche, sulle quali si era espresso anche il sindaco Merola in scadenza di mandato. 

"Più coraggio nei casi estremi per trovare soluzioni personalizzate", dice Andrea Prantoni Associazione italiana ciechi e ipovedenti (Uici) che propone navette, magari anche "a chiamata diretta". Però "per noi il centro chiuso, soprattutto ora che è stato riqualificato, è molto più accessibile e godibile", sottolinea Marcello Camilli dell'Anmic, auspicando che possa proseguire il lavoro "costruttivo" avviato già nel corso dello scorso mandato.

"Ci sono esigenze specifiche e non lo possiamo negare", afferma il disability manager del Comune, Egidio Sosio, sottolineando la necessità di trovare soluzioni per dare ai disabili "la possibilità non solo di raggiungere il domicilio facilmente ma anche di poter usufruire degli spazi offerti agli altri cittadini".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per l'assessore Priolo, "i casi specifici vanno presi in considerazione, punto. Non posso pensare che i cittadini disabili che hanno la residenza nella ''T'' non abbiano l'accessibilità a casa", mentre sulle navette va tenuto conto che se queste "si qualificano come trasporto pubblico, allora il discorso si apre su tutto il trasporto pubblico". Detto questo, l'argomento non può essere "derubricato" sotto la voce "la norma non ci consente, non facciamo nulla", assicura l'assessore. (agenzia dire)

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Bologna usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid -19: dove e come fare il test sierologico a Bologna

  • Pianoro, tragico incidente lungo la Futa: morto un giovane motociclista

  • Coronavirus, bollettino 29 maggio Bologna e provincia: la situazione comune per comune

  • Riaprono i confini, controlli serrati in autostrada: maxi-sequestro di Vespe rubate in A1

  • Tragedia a Loiano: travolto da un tronco, muore a 43 anni

  • Coronavirus, bollettino Emilia-Romagna: +38 casi, 24 trovati tramite screening

Torna su
BolognaToday è in caricamento