Da mesi l'azienda non paga gli stipendi: sciopero a oltranza a Telesanterno

I contributi arriverebbero, ma "i dipendenti e le loro famiglie restano con molte mensilità arretrate" fa sapere il sindacato

Nonostante, denuncia la Slc-Cgil, abbia incassato una nuova tranche dei contributi ministeriali per l'editoria, da mesi l'azienda non paga gli stipendi. 

Ritorna il caso di GTV Telesanterno e Publivideo2, i contributi arriverebbero, ma "i dipendenti e le loro famiglie restano con molte mensilità arretrate - fa sapere il sindacato - servono controlli a tappeto sull'utilizzo dei fondi pubblici che, lo ricordiamo, sono finalizzati a sostenere l'occupazione nelle emittenti radiotelevisive locali. Dove finiscono queste provvidenze? Le società che utilizzo ne fanno?", incalza la sigla dei lavoratori della comunicazione.

"Da quattro anni Telesanterno paga a singhiozzo, i dipendenti sono arrivati anche ad un arretrato di 12 mensilità in un quadro nemmeno omogeneo perchè l'azienda continua ad agire in una logica inaccettabile di disparita' di trattamento, con lavoratori piu' penalizzati di altri, cercando, senza riuscirci, di provocare divisioni", ricorda il sindacato. Per questo, oggi tecnici, amministrativi e giornalisti hanno deciso in assemblea "di ricorrere, ancora una volta, allo sciopero ad oltranza per ottenere il pagamento degli stipendi arretrati", continua la Slc.
 

Potrebbe interessarti

  • Forno a microonde: fa veramente male alla salute?

  • Amanti del vinile? 4 imperdibili negozi a Bologna

  • Come smettere di fumare: trucchi e consigli

  • Un faro in montagna? Esiste a Gaggio Montano

I più letti della settimana

  • Incidente in A1, un morto: traffico bloccato la domenica del rientro

  • Nuova rotta Ryanair: da Bologna a Kutaisi due volte a settimana

  • Incidente in A14 tra Forlì e Cesena, muore ragazzo di San Lazzaro di Savena

  • West Nile, zanzare positive a San Giovanni in Persiceto

  • Incidente mortale sulla A14: chi era la giovane vittima

  • Incidente sulla A14: scontro tra auto due morti e tre feriti

Torna su
BolognaToday è in caricamento