Terremoto 7 giugno, ancora 9 scosse nella notte. Oggi arriva Napolitano

3.2 la replica più forte della notte. Ieri registrate 37 scosse, di magnitudo 4.5 la più potente, con epicentro spostato in Romagna. Aumenta la conta dei danni: Il Presidente della Repubblica a toccarli con mano

XVIII giorno di terremoto, la terra continua a tremare. Nella notte appena trascorsa sono 9 le repliche registrate in Pianura emiliana - secondo i dati INGV -  tutte di scarsa intensità. La più potente - di magnitudine 3.2 - si è verificata alle ore 3.47, con epicentro tra Mantova e Modena.

Più angosciante, invece, la giornata di ieri - 6 giugno - 37 le scosse registrate di cui la più potente - magnitudo 4.5 delle ore 6.08 - verificatasi in Romagna: una nuova faglia si sarebbe aperta - secondo quanto riferiscono gli esperti. Un tremilio breve ma forte, avvertito indistintamente anche nel territorio bolognese, non sembra al momento aver causato gravi danni.

La Regione, insomma, non trova pace. Allo stremo i 14 mila sfollati, divisi in centri di accoglienza, alberghi della costa, camper, automobili.
Oggi sui luoghi terremotati il Presidente della Repubblcia Giorgio Napolitano, che visiterà oltre le comunità modenesi e ferraresi, anche Crevalcore. Qui si sono registrati i danni maggiori nel circondario bolognese.

Aumenta la conta dei danni, quotidianamente, impossibile ancora tirarne le somme definitive.E' salito a 26 il numero delle vittime del 'mostro' che sta angosciando la Regione: nelle ultime 48 ore, infatti, sono decedute altre due donne, ricoverate in ospedale dopo il forte sisma del 29 maggio, inseguito a gravissime ferite riportate perchè colpite da calcinacci durante i crolli.
Sempre in queste ore, nuovo dramma in uno dei centri di accoglienza sfollati di Bologna, dove un terremotato ha tentato di togliersi la vita.
A Bologna nuovo disagio nel mondo scolastico: inseguito ai rilievi post-sisma si è decisa la chiusura dell'ennesima scuola - la primaria Federzoni. Ammontano a 10 le strutture in cui si è dovuto sospendere anticipatamente l'anno.

NUMERI RACCAPRICCIANTI. Le scosse continue (638 dal 29 maggio a stamattina, sette oltre magnitudo 5) costringono a ripetere i censimenti per verificare i danni in un'area con quasi un milione di abitanti, dove lavorano 343.000 persone in 77.000 imprese e dove studiano 50.000 ragazzi (quasi 270 le scuole lesionate). I comuni interessati dal sisma sono 54. Dalla prima scossa del 20 maggio sono state compiute già 19.890 'verifiche speditive' sugli edifici colpiti: entro una settimana - annuncia in Aula l'assessore alla Protezione civile, Paola Gazzolo - si prevede di terminare le restanti 13.976 prime verifiche, anche se il secondo terremoto ha reso indispensabile ripeterne molte già fatte dopo il primo sisma. Il ritmo è stato di 1.500 al giorno e aumenterà, grazie ai Vigili del fuoco (fino a ieri 1.150 e da oggi 100 in più), ai tecnici regionali e delle Università, in crescita anche loro. Così come aumenta il lavoro dei 1.500 volontari di Protezione civile, più altri contributi (Vigili del fuoco, Enti locali, Forze armate e dell'ordine): sono oltre 4.500 le persone impegnate. Difficile calcolare tutti gli sfollati, con tanti centri storici evacuati, chiusi in 'zona rossa', ma la Protezione civile ha posto per 15.754 persone e ora ne assiste 12.180: oltre novemila in 35 campi, quasi tremila in scuole o palestre, il resto in albergo (diecimila posti usati in parte).

AGGIORNAMENTI SISMA:

ESENZIONI E SUSSIDI: Nuovi provvedimenti della Regione per i terremotati

GRAN CONCERTO DI SOLIDARIETA': 25 giugno i big della musica per i terremotati

LA DENUNCIA: Aziende prive di certificazione per la ripresa produttiva riaprono battenti scaricando ogni responsabilità sui dipendenti

PAURA E ANSIA: Da psicologi Unibo consigli per gestire lo stress da sisma

ESAMI MATURITA': DATE SUPPLETIVE PER COMUNI TERREMOTATI

AZIENDE COLPITE: Firmato accordo su ammortizzatori sociali per la Provincia di Bologna

INFO E NUMERI UTILI: Terremoto informazioni e numeri utili: verifiche agibilità, posti letto, donazioni e aiuti
donazioni, contributi, disponibilità alberghi, verifiche agibilità

Potrebbe interessarti:
http://www.bolognatoday.it/cronaca/terremoto-numeri-utili-informazioni.html
Seguici su Facebook:
http://www.facebook.com/pages/BolognaToday/163655073691021

ANIMALI: Tanti animali domestici e selvatici sfollati, molti abbandoni. Si creano canili di fortuna, centri assistenziali chiedono aiuto

CHIESE: luoghi insicuri, la Diocesi di Bologna ordina la chiusura in alcuni vicariati: dettagli

COME COMPORTARSI. Semplice regole comportamentali e accorgimenti da seguire, a volte possono anche salvare la vita durante eventi sismici di particolare rilevanza. La Protezione civile stila un decalogo su cosa fare e non fare prima, dopo, durante le scosse di terremoto. E allerta: "La maggioranza delle persone pensa che le vittime di un terremoto siano provocate dal crollo degli edifici. In realtà, molte delle vittime sono ferite da oggetti che si rompono o cadono su di loro, come televisori, quadri, specchi, controsoffitti."

SCIACALLI. Ai disastri della natura, come se non bastasse, in queste ore si aggiunge la mano dell'uomo ad aggravare la situazione: nelle zone terremotate si fa stringente l'allarme sciacalli e mitomani, che spacciandosi per uomini della Protezioni civile allertano su imminenti scosse per far evacuare edifici. Una vera e propria psicosi collettiva è scaturita dall'annuncio - infondato - dell'arrivo imminente di un 'Big one', un sisma distruttivo. Ma i sismologi continuano a ribadire: 'Impossibile prevedere con precisioni quello che accadrà. Fin quando ci saranno scosse e di che entità si presenteranno'. Quindi allertano di diffidare di chi fa ipotesi certe, anche se possono pronosticare che in zona dovremmo aspettarci nuovi tremolii per 'le prossime settimane, forse mesi'.









Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il figlio di Vasco Rossi Lorenzo si è sposato: tutta la felicità in una foto

  • Cerca di fuggire dalla gazzella dei carabinieri con l'apecar: è ubriaco

  • Grave lutto per Cesare Cremonini: morto il papà Giovanni

  • Tre appartamenti all'asta in via Amendola: il bando Invimit scade il 20

  • Incidente in via del Gomito, morto ciclista di 25 anni

  • Lutto all'Alma Mater: morto a 94 anni Alfonso Traina, professore emerito, filologo e latinista

Torna su
BolognaToday è in caricamento