Arrestato in Libia, imprenditore bolognese accusato di Terrorismo

Il 53enne si trova agli arresti dallo scorso ottobre. La procura tripolina lo ritiene fiancheggiatore di una milizia separatista

Giulio Lolli, il bolognese arrestato nell'ottobre scorso in Libia, sarebbe accusato anche di terrorismo dalla Procura di Tripoli. La notizia trapela da alcuni atti giudiziari. Secondo quanto contenuto nei fascicoli agli atti del processo a suo carico per il fallimento della Rimini Yacht, Lolli in sostanza al momento non può lasciare il paese libico perché impegnato in altro procedimento.

L'ex imprenditore 53enne, latitante da diversi anni e ora detenuto nel carcere della capitale libica, è di fatto imputato dalle autorità tripoline. L'accusa, pesante, è di aver favorito una milizia separatista avversa al governo. Altre accuse, alcune già note, fanno riferimento a traffico d'armi e ingresso clandestino nel territorio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, sotto osservazione due persone in Emilia: le analisi al Sant'Orsola

  • Lizzano, trovato in un bosco lungo fiume: morto snowboardista 59enne

  • Diodato canta a sorpresa "Fai rumore" sotto i portici di via Oberdan

  • "Appropriazione indebita": sequestrati 100 immobili a Bologna

  • Incidente sulla A13: camion esce di strada e "disperde" centinaia di stecche di sigarette di contrabbando

  • Incidente a Castenaso: scoppia una gomma, schianto frontale e due feriti

Torna su
BolognaToday è in caricamento