Arrestato in Libia, imprenditore bolognese accusato di Terrorismo

Il 53enne si trova agli arresti dallo scorso ottobre. La procura tripolina lo ritiene fiancheggiatore di una milizia separatista

Giulio Lolli, il bolognese arrestato nell'ottobre scorso in Libia, sarebbe accusato anche di terrorismo dalla Procura di Tripoli. La notizia trapela da alcuni atti giudiziari. Secondo quanto contenuto nei fascicoli agli atti del processo a suo carico per il fallimento della Rimini Yacht, Lolli in sostanza al momento non può lasciare il paese libico perché impegnato in altro procedimento.

L'ex imprenditore 53enne, latitante da diversi anni e ora detenuto nel carcere della capitale libica, è di fatto imputato dalle autorità tripoline. L'accusa, pesante, è di aver favorito una milizia separatista avversa al governo. Altre accuse, alcune già note, fanno riferimento a traffico d'armi e ingresso clandestino nel territorio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Maltempo: allagamenti e smottamenti, fiumi esondati e oltre 300 persone evacuate

  • I Mercatini di Natale a Bologna: il calendario 2019

  • Maltempo: massimi livelli di allerta a Budrio, Castel Maggiore e Malalbergo, salvata coppia

  • Maltempo Bologna, emesso il nuovo bollettino meteo: è ancora allerta, piogge fino a notte

  • In Piazza Maggiore migliaia di Sardine vs Lega | FOTO e VIDEO

  • Dipendenti infedeli colpiscono Hera, furto da mezzo milione di euro sulle bollette

Torna su
BolognaToday è in caricamento